Città da sogno che non lo era

Le contraddizioni tra la realtà di Gurgaon, in India, e la sua immagine negli annunci immobiliari, nelle foto di Arthur Crestani

Nella sua serie Bad City Dreams il fotografo francese Arthur Crestani ha ritratto persone davanti alle foto di annunci immobiliari di Gurgaon, una città a circa 30 chilometri a sud da New Delhi, in India, per parlare del contrasto tra “il sogno” venduto dalle agenzie immobiliari e la realtà urbana della città.

Crestani ha spiegato al British Journal of Photography che l’espansione immobiliare e urbanistica di Gurgaon si deve agli investimenti di aziende private che ci hanno costruito le proprie sedi: «Gurgaon è un paradigma della nuova città indiana: interamente privatizzata, senza spazi pubblici, gestita da poche aziende che soddisfano le esigenze della classe media. È un’immagine tanto quanto un luogo».

Un articolo del Guardian del 2016 spiegava come la privatizzazione avesse trasformato la città da zona agricola a importante centro economico: tra il 2001 e 2011 gli abitanti di Gurgaon erano quasi raddoppiati, passando da 876mila a un milione e mezzo di persone. A Gurgaon c’era di tutto: sia professionisti ricchi e istruiti dipendenti di grandi aziende – Google, HSBC, Nokia e Intel, tra le altre – sia lavoratori con case nelle baraccopoli.

Per il suo progetto, Crestani ha raccolto pubblicità di annunci immobiliari di grattacieli e moderni complessi residenziali e ha usato le immagini come sfondo per ritrarre le persone che ha incontrato a Gurgaon: non i futuri residenti dei complessi, ma gente comune, contadini e operai. Crestani ha scattato le sue fotografie in spazi aperti, davanti a cantieri ancora in costruzione, per sottolineare “le contraddizioni tra la realtà della città e la sua immagine costruita“. Nel farlo ha seguito lo stile della tradizione indiana della fotografia in studio, in cui i clienti vengono fotografati davanti a sfondi illustrati, e ha intitolato ogni fotografia riprendendo i claim pubblicitari che trovava negli annunci.

Crestani è nato a Parigi nel 1991, ha 27 anni, e potete seguirlo anche su Instagram.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.