Una commemorazione delle persone morte nell'incendio del centro commerciale di Kemerovo, il 27 marzo 2018 (EPA/MAXIM SHIPENKOV)
  • Mondo
  • martedì 27 marzo 2018

Le proteste e le commemorazioni a Kemerovo

Migliaia di persone hanno chiesto le dimissioni del governatore locale per l'incendio nel centro commerciale e hanno contestato il conteggio dei morti diffuso dalle autorità

Una commemorazione delle persone morte nell'incendio del centro commerciale di Kemerovo, il 27 marzo 2018 (EPA/MAXIM SHIPENKOV)

Il 27 marzo migliaia di persone hanno partecipato a una manifestazione di protesta contro le autorità locali nella città di Kemerovo, in Siberia, dove domenica un grande incendio in un centro commerciale ha causato la morte di almeno 64 persone, di cui 41 bambini. Molti manifestanti hanno chiesto le dimissioni di alcuni funzionari, primo fra tutti il governatore Aman Tuleyev, fuori dalla sede dell’amministrazione locale e hanno espresso dei dubbi sul conteggio ufficiale dei morti: per le autorità di Kemerovo ci sono 31 dispersi, per i parenti dei morti 68. Uno dei più importanti funzionari del governo locale, Sergei Tsivilev, si è messo in ginocchio davanti alla folla per chiedere perdono ed è stato applaudito.

Alcune persone hanno cantato dei cori contro il presidente russo Vladimir Putin, chiedendo le sue dimissioni. Proprio oggi Putin ha visitato la città: ha detto che quello dell’incendio è stato un caso di «negligenza criminale», ma non si è rivolto alla folla che si era raccolta nella piazza principale di Kemerovo, ha solo parlato con un gruppo di persone che non credevano al conteggio dei morti fatto dalle autorità. Putin ha anche visitato il memoriale spontaneo creato vicino al centro commerciale e l’ospedale in cui sono ricoverate le persone ferite nell’incendio.

Il presidente russo Vladimir Putin dopo aver deposto dei fiori tra gli oggetti lasciati in ricordo delle persone morte nell’incendio del centro commerciale a Kemerovo, il 27 marzo 2018 (Alexei Druzhinin, Sputnik, Kremlin Pool Photo via AP)

Per capire le cause dell’incendio è stata aperta un’indagine. È già stato confermato che le porte di sicurezza del supermercato erano bloccate durante l’incendio e che una guardia di sicurezza non aveva attivato il sistema di allarme antincendio, non si sa ancora perché. Vladimir Chernov, vicegovernatore della regione di Kemerovo, ha detto che l’incendio si è sviluppato in un’area giochi per bambini, quando un trampolino contenente della gommapiuma ha preso fuoco. Quattro persone coinvolte nella proprietà e nella manutenzione dell’edificio sono state arrestate e formalmente accusate; una quinta è stata arrestata, ed è probabile che verrà accusata a sua volta.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.