Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018: le gare di oggi

Arianna Fontana è arrivata ultima nella finale nei 1500 metri short track, e Sofia Goggia è andata male nel supergigante

(Richard Heathcote/Getty Images)

Quella di oggi è stata l’undicesima giornata delle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018, nella quale l’Italia ha avuto alcune delusioni: la pattinatrice Arianna Fontana, già vincitrice dell’oro nei 500 metri short track, è arrivata ultima nella finale dei 1.500 metri. Fontana, che è sembrata troppo stanca per reagire durante la gara, ha effettivamente detto subito dopo la gara: «non ne avevo più». Martina Valpecina, l’altra italiana, era stata eliminata in semifinale. Lisa Vittozzi e Dorothea Wierer, italiane che avevano l’ultima possibilità di andare a medaglia nel biathlon, sono arrivate rispettivamente quarta e sesta nella finale del mass start 12.5 chilometri.

Sofia Goggia, una delle atlete più forti e attese, ha sbagliato una delle due gare in cui era favorita per una medaglia, quella di supergigante: è arrivata undicesima, dietro alle altre italiane Johanna Schnarf e Federica Brignone. Anche l’americana Lindsey Vonn è andata male, e ha vinto la ceca Ester Ledecka, una specialista dello snowboard, che ora può vincere due ori in due diverse discipline. Una delle gare migliori della notte è stata quella di pattinaggio artistico individuale maschile, vinta dal giapponese Yuzuru Hanyū, che era già campione olimpico in carica.

Qui di seguito trovate il programma di oggi alle Olimpiadi invernali 2018: con 🥇sono indicate le gare in cui verranno assegnate medaglie, mentre con 🇮🇹  sono indicate le gare a cui parteciperanno atleti italiani. Se volete sapere dove vedere le gare, lo abbiamo spiegato qui.

Ore 2.00 (CET) 🥇 🇮🇹
Pattinaggio artistico – Programma libero individuale (maschile)
Gangneung Ice Arena

Per il grande tasso tecnico degli atleti presenti, è stata una delle finali più entusiasmanti degli ultimi anni. Ha vinto il giapponese Yuzuru Hanyū, che ha confermato l’oro olimpico di Sochi 2014. Secondo è arrivato un altro giapponese,  Shōma Uno, e terzo lo spagnolo Javier Fernández López. Matteo Rizzo, l’unico italiano in gara, è arrivato 21esimo.


Ore 3.00 🥇 🇮🇹
Sci alpino – Supergigante (femminile)
Jeongseon Alpine Centre

Sofia Goggia, tra le atlete italiane più attese di queste Olimpiadi invernali, è arrivata solo undicesima (ma ha ancora la gara di discesa libera). Ha vinto la ceca Ester Ledecka, a sorpresa: la sua specialità è infatti lo snowboard, ma ha fatto una gran prova nel supergigante arrivando un centesimo davanti all’austriaca Anna Veith. Tina Weirather del Liechtenstein è arrivata terza: è il primo podio per il paese in 30 anni. Lindsey Vonn, grande favorita, ha sbagliato la gara ed è arrivata solo sesta. Johanna Schnarf, altra sciatrice italiana che si pensava non potesse avvicinarsi al podio, è invece arrivata quinta. Federica Brignone è arrivata sesta (a parimerito con Vonn) e Nadia Fanchini 12esima.

Ester Ledecka. (Frank Hoermann/SVEN SIMON/picture-alliance/dpa/AP Images)


Ore 5.56 🥇 
Sci acrobatico – Slopestyle (femminile)
Phoenix Park

Due svizzere hanno occupato le due posizioni più alte del podio: Sarah Hoefflin, prima, e Mathilde Gremaud, seconda. La vittoria di Hoefflin è stata inaspettata, visto che aveva avuto una stagione senza successi e in carriera aveva vinto una sola volta in Coppa del Mondo. La britannica Isabel Atkin è arrivata terza, mentre non c’era nessuna italiana in finale.


Ore 6.05  🇮🇹
Curling maschile
Gangneung Curling

La squadra italiana composta da Amos Mosaner e Joel Retornaz ha perso per 6 a 5 nel girone di qualificazione alla fase finale. L’Italia è ora sesta, con due vittorie e tre sconfitte: passano le prime quattro su dieci.


Ore 10.30 🥇 🇮🇹
Sci di fondo – 4×5 (femminile)
Alpensia Cross Country Centre

La squadra italiana composta da Anna Commarella, Lucia Scardoni, Elisa Brocard e Ilaria Debertolis è arrivata nona, ma non era favorita per il podio. Hanno vinto le norvegesi, seguite dalle svedesi e dalle atlete indipendenti russe.


Ore 12.15 🥇 🇮🇹
Biathlon – Mass start 12.5 chilometri (femminile)
Alpensia Biathlon Centre

Lisa Vittozzi e Dorothea Wierer, le biatlete più forti della Nazionale italiana, avevano delle possibilità di salire sul podio, ma sono arrivate rispettivamente quarta e sesta. Ha vinto la slovacca Anastasiya Kuzmina, seguita dalla bielorussa Darya Domracheva e dalla norvegese Tiril Eckhoff.


Ore 13.11 🥇 🇮🇹
Short track – 1.500 metri (femminile)
Gangneung Ice Arena

La pattinatrice italiana Arianna Fontana è arrivata ultima, nonostante fosse tra le favorite per il podio. Fontana, che martedì scorso aveva vinto l’oro nei 500 metri, era tra le prime pattinatrici intorno alla metà della gara, ma poi è sembrata non avere le forze per portarsi in testa e ha gradualmente perso posizioni, senza riuscire a recuperare. Fontana ha concluso con un tempo di 2:27.475. La medaglia d’oro l’ha vinta la sudcoreana Choi Minjeong, con 2:24.948, quella d’argento la cinese Li Jinyu e quella di bronzo la canadese Kim Boutin. In un’intervista subito dopo la gara, Fontana ha detto: «non ne avevo più». Martina Valcepina, l’altra atleta italiana che concorreva nello short track 1.500m, era stata eliminata in semifinale.


Ore 13.26 🥇 🇮🇹
Short track – 1.000 metri (maschile)
Gangneung Ice Arena

Ha vinto a sorpresa il canadese Samuel Girard, seguito dall’americano John-Henry Krueger e dal sudcoreano Seo Yira. Yuri Confortola, l’unico italiano in gara, è stato eliminato in semifinale.


Ore 13.45 🥇
Skeleton – (femminile)
Gangneung Ice Arena

Ha vinto la britannica Lizzy Yarnold, seguita dalla tedesca Jacquelin Loelling e dalla britannica Laura Deas.


Ore 14.30 🥇 🇮🇹
Salto con gli sci – Trampolino lungo (maschile)
Alpensia Ski Jumping Centre

Il grande favorito, il polacco Kamil Stoch, detentore del titolo olimpico, ha vinto anche quest’anno, arrivando davanti al tedesco Andreas Wellinger e al norvegese Robert Johansson. Alex Insam, unico italiano arrivato alla finale, è arrivato 23esimo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.