• TV
  • venerdì 9 febbraio 2018

Chi è Lorenzo Baglioni di Sanremo 2018 (non è parente di Claudio)

Si è fatto notare non solo per il cognome, ma anche per il tema della sua canzone “Il congiuntivo”

Lorenzo Baglioni è uno dei cantanti in gara nella categoria “Nuove proposte” al Festival di Sanremo. Non è nella categoria principale, quindi, ma nonostante questo Lorenzo Baglioni è stato uno dei concorrenti più discussi di Sanremo 2018, per due motivi: il primo è il cognome, uguale a quello del direttore e conduttore del festival Claudio Baglioni, con il quale però non ha un legame di parentela. Il secondo è la sua canzone, “Il Congiuntivo”, che si è fatta notare sia per il testo – sulla grammatica – sia per l’esibizione con quattro coristi vestiti da scolari. L’esibizione di Lorenzo Baglioni si può vedere qui, mentre questo è il video ufficiale.

Lorenzo Baglioni è toscano e ha 31 anni: da un paio è una celebrità dello YouTube italiano, specializzato in canzoni didattiche, quasi tutte su argomenti scientifici. Baglioni tra le altre cose ha insegnato per due anni matematica, materia in cui è laureato. Baglioni ha anche suonato con la “boy band” Supplenti italiani: nel 2016 fecero una canzone sulle leggi di Keplero, realizzata con la supervisione dell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri (ne avevamo parlato anche sul Post). Baglioni ha anche cantato una canzone che spiega le basi della trigonometria, usata come spot per la merendina Fiesta di Ferrero.

Il 16 febbraio uscirà il suo primo disco, Bella prof!, e a marzo lavorerà in un programma per ragazzi di Sky Uno.

Il testo completo di “Il congiuntivo”

Che io sia
che io fossi
che io sia stato
oh-oh-oh

Oggigiorno chi corteggia
incontra sempre più difficoltà
coi verbi al congiuntivo

Quindi è tempo di riaprire
il manuale di grammatica
che è, molto educativo

Gerundio imperativo
e infinito indicativo
molti tempi e molte coniugazioni ma

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo
e si usa per eventi
che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo
a differenza di altri modi verbali

E adesso che lo sai anche tu
non lo sbagli più

Nel caso che il periodo sia della tipologia dell’irrealtà (si sa)
ci vuole il congiuntivo
Tipo se tu avessi usato
il congiuntivo trapassato
con lei non sarebbe andata poi male
condizionale
segui la consecutio temporum

Il congiuntivo ha un ruolo distintivo
e si usa per eventi
che non sono reali

È relativo a ciò che è soggettivo
a differenza di altri modi verbali

E adesso ripassiamo un po’ di verbi al congiuntivo
che io sia (presente)
che io fossi (imperfetto)
che io sia stato (passato)
che fossi stato (trapassato)
che io abbia (presente)
che io avessi (imperfetto)
che abbia avuto (passato)
che avessi avuto (trapassato)
che io… vorrei

Il congiuntivo
come ti dicevo
si usa in questo tipo di costrutto sintattico

Il tentativo è quasi riflessivo
descritto dal seguente esempio didattico

E adesso che lo sai anche tu
non lo sbagli più

Mostra commenti ( )