I plagi nei programmi degli altri partiti

A parte quello del M5S, negli altri c'è poco: otto righe nel programma di Liberi e Uguali e un paio in quello di +Europa

Dopo aver rilevato numerosi plagi all’interno del programma del Movimento 5 Stelle, il Post ha analizzato i programmi degli altri partiti (PD, Forza Italia, Liberi e Uguali e + Europa), finora senza trovare plagi di frequenza e dimensioni pari a quelli trovati nel programma del Movimento 5 Stelle. Il plagio più sostanzioso che abbiamo trovato è nel programma elettorale del partito Liberi e Uguali ed è lungo poco meno di una decina di righe di testo.

Il paragrafo si trova nella sezione “un mondo digitale“: è stato copiato dalla “Dichiarazione dei diritti in Internet” (PDF), un documento elaborato da una commissione parlamentare che ha lavorato fra il 2014 e il 2015. Il paragrafo plagiato corrisponde alle prime nove righe del preambolo della Dichiarazione dei diritti in Internet, che vengono riportate integralmente senza citare l’autore o la fonte. La Dichiarazione è stata elaborata dalla Commissione parlamentare per i diritti e i doveri relativi ad Internet, che si era formata nel luglio del 2014 ed era presieduta da Laura Boldrini, presidente della Camera e oggi dirigente e candidata di Liberi e Uguali.

A sinistra, la Dichiarazione dei diritti in Internet (2015), a destra il programma di Liberi e Uguali

Nella stessa sezione del programma, qualche riga più sotto, c’è un’altra frase copiata interamente dalla Dichiarazione, più precisamente dall’articolo 5. «Ogni persona ha il diritto alla protezione personale dei dati che la riguardano per garantire il rispetto della sua dignità, identità e riservatezza». Il Post non ha trovato nessun’altra traccia di paragrafi plagiati all’interno del programma di Liberi e Uguali. Il comitato di Liberi e Uguali ha detto al Post: «In effetti, nel preparare la versione del programma da caricare sul sito e consegnare al Viminale abbiamo omesso di segnalare che il primo capoverso della sezione sul digitale sezione è tratto dal preambolo della “Dichiarazione dei diritti internet” della Camera», e ha aggiunto: «Ciò detto, quella iniziativa è stata presa dalla presidente Laura Boldrini che è candidata con Liberi e Uguali e quella idea di internet coincide con la nostra».

Nel programma di +Europa, la formazione guidata da Emma Bonino, è possibile trovare un plagio lungo due righe tratto da un articolo pubblicato sul mensile Strade Online. La frase: «I giovani italiani di età compresa fra i 16 e i 24 anni sono certamente molto più preparati dei loro padri o nonni, ma restano tuttora meno competenti dei loro coetanei tedeschi o francesi» – presente nel capitolo “Scuola e università” del programma – compare originariamente in un articolo scritto da Thomas Manfredi, economista dell’OCSE.

La campagna di +Europa, a cui collaborano diversi membri della redazione di Strade, ha fatto sapere al Post: «Nella prima fase di redazione del programma sono stati aggregati numerosi contributi da diverse fonti, tra cui Strade, contributi che in una seconda fase sono stati analizzati e revisionati scientificamente, e infine rielaborati in un nuovo testo che è diventato il programma consultabile sul sito di +Europa con Emma Bonino. Probabilmente quelle due righe sono rimaste tali e quali all’originale». La campagna di +Europa si è scusata per la disattenzione.

Nelle analisi effettuate sui programmi degli altri partiti, il Post non ha considerato plagiate le parti dei programmi tratte da documenti prodotti in precedenza dagli stessi partiti. Questo tipo di “auto plagi” è presente in diverse misure in quasi tutti i programmi.

Mostra commenti ( )