Limping cow, 2017 Mucca zoppicante, 2017 Finnish Pastoral - Joel Karppanen

La vita a Karinkanta, Ostrobotnia settentrionale, Finlandia

Gli spazi, gli abitanti e i dettagli di un immaginario finlandese che nella realtà sta sbiadendo, nelle foto di Joel Karppanen

Karinkanta è un paese dell’Ostrobotnia settentrionale, una regione che si trova nel centro della Finlandia. È un paese di campagna, con meno di 200 abitanti, nel quale il fotografo Joel Karppanen ha deciso di ambientare la sua serie Finnish Pastoral. Nei due anni di lavoro e osservazione, Karppanen ha cercato di restituire un’immagine onesta del suo soggetto — la campagna finlandese e i suoi abitanti — cercando di raccontarne cambiamenti legati a vari fenomeni come il mutamento degli stili di vita, le migrazioni e la diversa gestione della produzione industriale del paese.

Nella descrizione del progetto, il fotografo cita Georg Simmel, un filosofo tedesco che attribuiva alle rovine un potere calmante, perché osservandole si riesce ad apprezzare ciò che è incompleto e informe: secondo Karppanen le cittadine finlandesi come Karinkanta sono delle future rovine. Ma per il momento, attraverso i ritratti, i paesaggi e i dettagli che ha fotografato “senza abbandonarsi alla nostalgia”, si riesce ancora a cogliere qualcosa di presente anche se fermo e legato a un immaginario finlandese che nella realtà sta sbiadendo.

Joel Karppanen è un fotografo e documentarista che vive e lavora nel nord della Finlandia. Nel suo lavoro predilige soggetti comuni, con particolare intessere per il rapporto tra campagna e città. Nel 2017 ha ricevuto il premio Young Hero da parte della Jouko Lehtola Foundation, assegnato ogni due o tre anni a fotografi documentaristi che abbiano meno di 36 anni e un approccio originale alla fotografia. La pubblicazione del libro di Finnish Pastoral è prevista per la prossima estate.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.