• Mondo
  • giovedì 24 agosto 2017

Cosa è successo ieri a Rotterdam

Un concerto della band californiana Allah-Las è stato annullato per il rischio di un attentato; la polizia poi ha fermato un furgone con alcune bombole di gas a bordo

Il furgone fermato ieri a Rotterdam (RTL via AP)

Ieri a Rotterdam, nei Paesi Bassi, la polizia ha annullato un concerto della band californiana Allah-Las dopo aver ricevuto dalla polizia spagnola la segnalazione di una possibile minaccia terroristica. Poco dopo, grazie al perimetro di sicurezza formato dagli agenti intorno al locale dove avrebbe dovuto esserci il concerto, la polizia ha fermato un furgoncino con targa spagnola che conteneva diverse bombole di gas: il conducente, di nazionalità spagnola, è stato arrestato per essere interrogato e al momento non è chiaro se ci siano legami con il terrorismo e per cosa servissero le bombole che trasportava. Nella notte, la polizia ha arrestato una seconda persona in una casa vicino a Rotterdam.

La notizia dell’annullamento del concerto – che avrebbe dovuto tenersi in un ex silo riconvertito chiamato Maassilo – è stata data dal sindaco di Rotterdam Ahmed Aboutaleb in una conferenza stampa organizzata ieri sera. Aboutaleb ha detto che la segnalazione del possibile attentato era arrivata dalla polizia spagnola, ma non ha dato altre informazioni e non ha detto se c’erano collegamenti con l’indagine per gli attentati in Catalogna della settimana scorsa. Per via del loro nome, gli Allah-Las ricevono spesso minacce da parte di estremisti islamici, ma la polizia di Rotterdam ha detto di aver preso con particolare serietà la segnalazione ricevuta ieri e di aver chiesto al gestore del Maassilo di annullare il concerto, poco prima che iniziasse.

Netherlands Concert Cancelled(Il sindaco di Rotterdam Ahmed Aboutaleb durante la conferenza stampa di ieri sera – Ap Images)

Dopo l’annullamento del concerto i membri degli Allah-Las sono stati scortati in un posto sicuro dalla polizia di Rotterdam ed è stato istituito un perimetro di sicurezza intorno al Maassilo. A quel punto è stato fermato il furgone con targa spagnola con le bombole di gas a bordo. Per il momento non sembra che il furgone fosse stato segnalato dalla polizia spagnola, gli agenti olandesi lo hanno fermato per precauzione dopo averlo visto fare avanti e indietro in modo strano e hanno arrestato il conducente dopo aver trovato le bombole (in un attentato a Parigi lo scorso giugno un’auto con bombole di gas a bordo si era schiantata contro degli agenti di polizia e si pensa che anche gli attentatori di Barcellona avessero pianificato di fare una cosa simile).

Il furgone è stato ispezionato dagli artificieri dell’esercito e il conducente del furgone è stato interrogato dalla polizia. Nella notte, intorno alle 2.00, la polizia ha arrestato una seconda persona in una casa poco distante da Rotterdam: si tratta di un 22enne che è ancora in stato di fermo per essere interrogato. Al momento non sono state date altre informazioni su quello che è successo. Aboutaleb, ieri sera, ha detto che doveva ancora essere stabilito se ci fosse un collegamento tra il furgone e la minaccia al Maassilo.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.