Amburgo, 7 luglio 2017 (BORIS ROESSLER/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • venerdì 7 Luglio 2017

Le foto degli scontri al G20 di Amburgo

Dopo le proteste di ieri, nella notte alcuni manifestanti hanno distrutto vetrine e auto: oggi sono arrivati i rinforzi per la polizia

Amburgo, 7 luglio 2017 (BORIS ROESSLER/AFP/Getty Images)

Aggiornamento dell’8 luglio: gli scontri sono andati avanti anche nella notte tra venerdì e sabato. Dall’inizio degli scontro gli arresti sono stati almeno 83 e i poliziotti feriti almeno 197.

***

Oggi ad Amburgo, la città tedesca dove si sta svolgendo il summit internazionale del G20, sono in parte proseguite le proteste cominciate ieri sera, durante le quali centinaia di manifestanti, soprattutto di estrema sinistra, si sono scontrati con la polizia. Il quotidiano Die Welt ha scritto che nel pomeriggio sono stati arrestati attivisti provenienti da Francia, Paesi Bassi e Svizzera, e che altri sono stati respinti al confine mentre provavano a entrare in Germania. Dall’inizio delle proteste gli arresti sono stati 44, mentre 111 poliziotti sono rimasti feriti: non si conosce il numero dei manifestanti feriti.

Oggi la polizia di Amburgo ha anche chiesto l’invio di rinforzi, ottenendoli: 200 agenti sono arrivati dal Baden-Württemberg, altri 200 dal Mecklenburg-Vorpommern e 300 da Berlino. La manifestazione di ieri – chiamata “Benvenuti all’inferno” – è finita a mezzanotte, ma durante la notte alcuni manifestanti, tra cui molti “black bloc” col volto coperto, hanno distrutto vetrine di negozi e incendiato alcune auto, soprattutto nel quartiere di Altona. Un elicottero della polizia è stato mancato di poco da un segnale fumogeno lanciato dai manifestanti, sui quali questa mattina la polizia ha nuovamente usato gli idranti, come già era successo ieri.

Gli scontri più violenti di giovedì sono avvenuti nella piazza di Amburgo dove si organizza il settimanale mercato del pesce, sulla strada che i manifestanti avevano scelto per arrivare al centro congressi dove si sta svolgendo il G20: la polizia li ha fermati poco dopo la partenza, in una zona, quella di Hafenstraße, con una lunga storia di proteste cittadine anarchiche e di estrema sinistra. Alla manifestazione in tutto partecipavano circa 12mila persone: il corteo è ripreso dopo che i manifestanti violenti sono stati parzialmente dispersi dalla polizia. Ci si aspetta che alcune decine di migliaia di persone arriveranno ad Amburgo domani, per partecipare alle nuove manifestazioni.