I giocatori del Cile mentre esultano per la vittoria ai rigori contro il Portogallo (ROMAN KRUCHININ/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • domenica 2 luglio 2017

Oggi finisce la Confederations Cup

Germania e Cile si incontrano nella finale di stasera, prima Portogallo e Messico si giocano il terzo posto

I giocatori del Cile mentre esultano per la vittoria ai rigori contro il Portogallo (ROMAN KRUCHININ/AFP/Getty Images)

Con la finale di stasera si concluderà la Confederations Cup 2017, che si è giocata in quattro città russe nelle ultime due settimane. Sarà tra Germania e Cile, entrambe squadre che non l’hanno mai vinta prima. Pur essendo una competizione secondaria, per tutte e due una vittoria stasera significherebbe confermarsi fra le Nazionali più in forma al mondo. La finale tra Germania e Cile sarà preceduta da quella per il terzo e quarto posto tra Portogallo e Messico, alle 14.

La Germania è arrivata in Russia con la sua squadra di riserva, dopo che Joachim Löw ha deciso di lasciare a riposo i titolari, quindi i calciatori tedeschi più famosi, per convocare le riserve, i migliori giovani a sua disposizione e quei giocatori che si sono distinti particolarmente nell’ultima stagione con i rispettivi club. Nonostante i migliori giovani siano stati tutti convocati per la Russia, la Germania Under-21 è riuscita ugualmente a vincere l’Europeo Under-21 in Polonia. Se a questo si aggiunge che la Nazionale tedesca è campione del mondo in carica e semifinalista dell’ultimo Europeo, la Germania può dirsi ancora nel mezzo di un gran periodo, e fra un anno sarà ancora tra le principali favorite per la vittoria dei Mondiali. Per arrivare alla finale, la Germania ha vinto il proprio girone con sette punti dopo aver battuto Australia e Camerun ed aver pareggiato proprio contro il Cile. In semifinale ha eliminato il Messico vincendo con un netto 4-1.

Il secondo gol segnato dal centrocampista Leon Goretzka nella semifinale contro il Messico.

Da tre anni la Nazionale cilena allenata da Juan Antonio Pizzi arriva in fondo a tutte le competizioni a cui partecipa. Ha vinto la Coppa America nel 2015, l’edizione del Centenario nel 2016 e oggi ha l’occasione di vincere la prima Confederations Cup nella sua storia. In poco più di anno è riuscita inoltre a battere almeno una volta tutte le nazionali sudamericane. Tutto questo è stato possibile grazie al grande lavoro del suo ex allenatore, Jorge Sampaoli (ora all’Argentina), che si è trovato a disposizione una delle migliori generazioni calcistiche che si ricordi, guidata da due grandi giocatori come Arturo Vidal e Alexis Sanchez. Ora, anche senza Sampaoli, il Cile è una squadra molto difficile da affrontare, come si è visto anche in questa Confederations Cup, dove ha pareggiato contro Germania e Australia, vinto contro il Camerun e nella semifinale contro il Portogallo, grazie alle tre parate consecutive ai calci di rigore del portiere del Manchester City Claudio Bravo.

I calci di rigore di Portogallo-Cile.

L’allenatore della Germania, Löw, parlando del Cile nella conferenza stampa di ieri ha detto: «Per vincere questo torneo dovremo offrire una prestazione superiore, di assoluto livello, perché in finale ci troveremo di fronte la squadra più flessibile del mondo dal punto di vista tattico». Entrambe le Nazionali stasera giocheranno con la loro miglior formazione possibile.

Le due squadre eliminate in semifinale, Portogallo e Messico, giocheranno invece alle 14 la “finalina”. Nel Portogallo non ci sarà Cristiano Ronaldo, che ha lasciato il ritiro in Russia per tornare a casa dai suoi due gemelli appena nati. La partita si giocherà nello stadio dello Spartak Mosca e, come la finale, in programma a San Pietroburgo alle 20.45, sarà trasmessa in diretta e in esclusiva da Sky Sport.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.