L'ex candidato per "La France insoumise" Jean-Luc Mélenchon, Deols, aprile 2017 (GUILLAUME SOUVANT/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 3 Maggio 2017

Gli elettori di Mélenchon non vogliono né Macron né Le Pen

I risultati della consultazione interna al movimento francese di estrema sinistra dicono che la maggior parte degli attivisti voterà scheda bianca o si asterrà

L'ex candidato per "La France insoumise" Jean-Luc Mélenchon, Deols, aprile 2017 (GUILLAUME SOUVANT/AFP/Getty Images)

Martedì 2 maggio sono stati resi pubblici i risultati della consultazione interna al movimento di estrema sinistra La France Insoumise di Jean-Luc Mélenchon in vista del ballottaggio delle presidenziali francesi del prossimo 7 maggio. Dopo il risultato del primo turno Mélenchon – a differenza degli altri principali candidati sconfitti – non aveva dato il suo sostegno né al centrista Emmanuel Macron né a Marine Le Pen, che si sono qualificati al secondo turno, spiegando di non aver ricevuto alcun mandato dalle 450 mila persone che avevano presentato la sua candidatura. Aveva anche detto che i suoi sostenitori e le sue sostenitrici sarebbero stati interpellati online: l’esito di queste consultazioni dice che la maggioranza dei militanti non voterà per Macron. Il voto per Le Pen non era un’opzione possibile della consultazione.

I risultati sono stati pubblicati sul sito del movimento: alla consultazione ha partecipato più della metà degli iscritti e due terzi hanno detto che il prossimo 7 maggio preferiranno o astenersi o votare scheda bianca, piuttosto che votare Emmanuel Macron. Nel dettaglio, alla consultazione interna hanno partecipato 243.128 persone; 87.818, e cioè il 36,12 per cento, hanno scelto scheda bianca o nulla; 84.682, il 34,83 per cento, voteranno Emmanuel Macron; 70.628 e cioè il 29,05 per cento hanno detto che si asterranno. Il comunicato stampa del movimento ha ricordato che la consultazione non aveva lo scopo di dare indicazioni di voto.

Eliminato al primo turno delle elezioni presidenziali di domenica 23 aprile con il 19,58 per cento dei voti, Mélenchon si era rifiutato di dare indicazioni per il ballottaggio suscitando critiche molto forti. Su Twitter erano cominciati a circolare estratti di video di Mélenchon del 2002, quando al ballottaggio delle presidenziali c’erano Jean-Marie Le Pen, padre di Marine, e Jacques Chirac, fondatore del principale partito del centro-destra francese, l’UMP poi diventato I Repubblicani. Mélenchon – che nel 2002 aveva aderito al PS e era stato scelto come ministro dell’Istruzione per l’insegnamento professionale nel governo Jospin – all’epoca aveva molto criticato coloro che si rifiutavano di sostenere Jacques Chirac contro Jean-Marie Le Pen: «Il 5 maggio non bisogna avere esitazioni. Quindi mettetevi dei guanti, delle mollette o quello che volete, ma votate. Abbassate il più possibile Le Pen». In un altro video Mélenchon criticava il settarismo dell’estrema sinistra che dice “O me o niente” definendolo un comportamento sterile.

Oggi la posizione di Mélenchon è molto diversa da quella del 2002. Mélenchon lasciò il PS nel 2008 per fondare il Parti de gauche (Partito della sinistra, PG), di orientamento radicale ed ecologista. Alle elezioni europee del 2009 il Partito della sinistra si alleò con il Partito Comunista Francese in un “Fronte di Sinistra” e Mélenchon venne eletto (ora è al suo secondo mandato). Queste stesse forze politiche candidarono Mélenchon alle presidenziali del 2012, arrivando all’11 per cento dei voti e l’hanno candidato anche alle ultime elezioni con un programma politico e un orientamento diverso rispetto a quello del PS e rispetto al PS del 2002.

La consultazione online conteneva comunque implicitamente un orientamento e permetteva agli attivisti registrati di scegliere fra sole tre opzioni: “scheda bianca o nulla”, “Macron” o “astensione”. Si precisava anche che «dato il forte impegno del movimento per l’uguaglianza, la libertà e la fraternità, il voto al Front National non era un’opzione». Lo stesso Mélenchon aveva parlato qualche giorno fa su TF1 del «terribile errore» di un eventuale voto a favore del partito di estrema destra: «Non serve essere un grande esperto per indovinare cosa farò. C’è una sola persona tra voi che dubiti che non voglio votare per il Front National? Tutti lo sanno». Mélenchon aveva anche chiesto “un segnale” a Emmanuel Macron in favore dei suoi elettori e delle sue elettrici, ma Macron ha spiegato di non voler modificare il proprio progetto «per convincere gli elettori che non hanno votato per me nel primo turno».