Il direttore delle competizioni UEFA, Giorgio Marchetti, e l'ex calciatore gallese Ian Rush durante il sorteggio (FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • venerdì 17 marzo 2017

La Juventus giocherà con il Barcellona nei quarti di Champions League

L'andata è in programma a Torino martedì 11 aprile, il ritorno mercoledì 19 a Barcellona

Il direttore delle competizioni UEFA, Giorgio Marchetti, e l'ex calciatore gallese Ian Rush durante il sorteggio (FABRICE COFFRINI/AFP/Getty Images)

I quarti di finale della Champions League 2016/2017 sono stati sorteggiati oggi nella sede della UEFA a Nyon, in Svizzera. Hanno partecipato al sorteggio otto club e per l’Italia l’unica rappresentante era la Juventus, che è stata sorteggiata con il Barcellona, considerata una delle tre squadre più forti ancora in corsa nel torneo. Il sorteggio dei quarti di finale era libero, senza alcuna restrizione: tutte e otto le squadre presenti nelle urne potevano incontrarsi, anche quelle della stessa nazione.

quarti-champions-partite

Ai quarti solitamente arrivano le migliori squadre d’Europa, e sono tutte difficili da affrontare. Tuttavia i quarti sono anche l’ultimo turno del torneo dove si possono pescare un paio di squadre decisamente più alla portata delle altre. L’anno scorso c’erano Benfica e Wolfsburg, quest’anno c’è il Leicester City. Fra i quarti sorteggiati oggi ci sono due partite di altissimo livello, cioè Bayern Monaco-Real Madrid e Juventus-Barcellona, e due di livello leggermente inferiore, Atletico Madrid-Leicester City e Borussia Dortmund-Monaco.

I quarti di finale si giocheranno l’11, 12, 18 e 19 aprile. Il sorteggio delle semifinali è in programma il 21 dello stesso mese mentre le semifinali si giocheranno il 2, 3, 9 e 10 maggio. La finale di disputerà sabato 3 giugno al Millennium Stadium di Cardiff, in Galles.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.