• postit
  • lunedì 30 gennaio 2017

Mohamed Abrini è stato incriminato per la sua partecipazione agli attentati di Parigi del novembre 2015

Le autorità francesi hanno incriminato formalmente Mohamed Abrini per la sua partecipazione agli attentati di Parigi del novembre 2015, nei quali furono uccise 130 persone. Abrini, 32enne con doppia cittadinanza marocchina e belga, era già stato incriminato in Belgio per avere partecipato all’attentato all’aeroporto di Bruxelles del 22 marzo 2016: aveva ammesso di essere “l’uomo col cappello”, cioè uno dei tre attentatori ripresi dalle telecamere a circuito chiuso dell’aeroporto e l’unico che non si era fatto esplodere. La polizia belga aveva accusato Abrini di essere molto vicino ai due fratelli Abdeslam, entrambi coinvolti negli attentati di Parigi, e di avere fatto insieme a loro andata e ritorno tra Bruxelles e Parigi pochi giorni prima degli attacchi. Entrambi gli attentati erano stati compiuti dalla stessa cellula franco-belga dello Stato Islamico in Europa.

 

 

Questo è un post della categoria PostIt, che rimanda direttamente alla fonte originale della notizia dalla homepage del Post.

Se siete arrivati su questa pagina attraverso i feed RSS o dai social network, potete leggere il contenuto di questa notizia sulla fonte originale cliccando sul titolo qui sopra.
Qui c'è l'elenco di tutti gli ultimi PostIt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.