• Italia
  • lunedì 12 dicembre 2016

Lo sciopero dei mezzi di mercoledì a Roma è stato rinviato

Doveva tenersi il 14 dicembre, è stato posticipato "a data da destinarsi"

(ANSA / ETTORE FERRARI)

Aggiornamento – Lo sciopero è stato rinviato “a data da destinarsi”.

***

Mercoledì 14 dicembre ci sarà uno sciopero di ventiquattro ore dei dipendenti ATAC, la società che gestisce il trasporto pubblico locale a Roma: lo sciopero inizierà alle ore 8:30 e durerà fino al termine del servizio, che sarà comunque garantito tra le 17 e le 20. Lo sciopero è stato organizzato dai sindacati Orsa, Faisa Confail, Sul, Utl e Usb e riguarderà l’intera rete ATAC: bus, filobus, tram, metropolitane e ferrovie regionali Roma-Civitacastellana-Viterbo, Termini-centocelle e Roma-Lido.

Durante lo sciopero inoltre non sarà garantito il servizio delle biglietterie e, nelle stazioni che resteranno eventualmente attive potrebbe essere interrotto il servizio di ascensori, scale mobili e montascale. Il servizio non sarà garantito anche nella notte tra il 14 e il 15 dicembre per quanto riguarda le corse notturne (linee da N1 a N28 e 913). Le condizioni del servizio e i possibili disagi per chi dovrà spostarsi con i mezzi pubblici dipenderanno dal numero di lavoratori che decideranno di aderire allo sciopero

Oltre ai dipendenti di ATAC mercoledì 14 dicembre sciopereranno anche quelli di TPL, la società che si occupa di trasporto locale nelle zone periferiche della città: lo sciopero in questo caso avrà diverse modalità a seconda del sindacato. Usb ha dichiarato uno sciopero di ventiquattro ore, Faisa Cisal uno di quattro ore, dalle ore 8.30 alle ore 12.30 per l’intero consorzio RomaTpl e di 24 ore solo per la società Autoservizi Tpl srl. Cgil, Cisl e Uil infine, hanno aderito allo sciopero di 24 ore, ma solamente per quanto riguarda la società Autoservizi Tpl srl.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.