ANSA/ANGELO CARCONI

I risultati del referendum costituzionale

I seggi hanno chiuso alle 23, gli exit poll danno il No piuttosto avanti: le notizie man mano che arrivano

ANSA/ANGELO CARCONI

Il liveblog sui risultati del referendum costituzionale continua qui ➡️

I risultati del referendum costituzionale stanno arrivando, dopo la chiusura dei seggi che si erano aperti stamattina alle 7: attraverso gli exit poll e gli scrutini in diretta, e poi con maggiore affidabilità con le proiezioni dei voti scrutinati. Gli elettori hanno votato per decidere se approvare o respingere la riforma della Costituzione approvata dal Parlamento e proposta dal governo di Matteo Renzi (che ha promesso che lascerà il suo incarico, nel caso la riforma venga respinta). Non è previsto un quorum, quindi il risultato del referendum sarà valido indipendentemente da quante persone andranno a votare. Se la maggioranza avrà votato Sì, la riforma sarà approvata. Se la maggioranza avrà votato No, sarà respinta. Alle 19, l’affluenza ai seggi è stata appena superiore al 57 per cento. A partire da questi dati sarà difficile immaginare quella finale, ma al momento sembra che supererà il 65 per cento degli aventi diritto. Il Post segue le operazioni di voto e lo spoglio con un liveblog, che trovate qui sotto (qui se arrivate da mobile). Non è necessario aggiornare la pagina, gli aggiornamenti più recenti compaiono da soli in testa.

00:05 5 Dic 2016
00:03 5 Dic 2016

23:58 4 Dic 2016

L’euro è in calo sul dollaro e su altre 16 tra le principali monete internazionali. Da 1,06 contro il dollaro, l’euro è sceso nei primi minuti dopo la diffusione degli exit poll a 1,054 dollari.

23:47 4 Dic 2016

23:46 4 Dic 2016

Roberto Speranza dice che la sinistra del PD «era nel giusto» e che dentro il No c’è un’ampia parte della sinistra. 

23:42 4 Dic 2016

EMG ha la prima proiezioni sui dati reali: stando a un campione del 10 per cento dei voti, il No è al 59,2 per cento, e il Sì al 40,8 per cento.

23:41 4 Dic 2016

Anche Nigel Farage è molto contento.

23:37 4 Dic 2016

SkyTG24 ha realizzato una media degli ultimi exit poll (ne sono stati realizzati due nel corso della serata): il No sarebbe al 57,7 per cento e il Sì al 42,3 per cento.

23:36 4 Dic 2016

23:32 4 Dic 2016

Il secondo exit poll di EMG per TG La7 dà gli stessi risultati del primo: No fra 55 e 59 per cento, Sì fra 41 e 45.

23:32 4 Dic 2016

Per farla breve: adesso tutti gli exit poll danno il No in vantaggio in una forbice tra 10 e 20 punti di vantaggio sul Sì.

23:31 4 Dic 2016

Matteo Salvini ha un obiettivo preciso per l’immediato dopo-voto.

23:28 4 Dic 2016

Anche secondo Tecné il divario tra No e Sì è molto ampio (stiamo sempre parlando di exit poll, quindi attenzione).

23:23 4 Dic 2016

C’è un nuovo exit poll dell’Istituto Piepoli: il divario fra No e Sì è ancora più ampio di quanto indicava il primo.

23:17 4 Dic 2016

Un altro che canta già vittoria: Renato Brunetta dice che è «la sconfitta dei poteri forti e di chi ha giocato sulla pelle del nostro paese. Anche delle burocrazie della Confindustria, che hanno fatto una scelta sulla pelle dei propri associati. Renzi ha bombardato gli italiani con una comunicazione forsennata, ossessiva».

23:14 4 Dic 2016

Sono arrivati i dati sull’affluenza da circa un quarto dei 7.998 seggi: al momento è intorno al 69 per cento.

23:14 4 Dic 2016

Lorenzo Guerini, vicesegretario del PD, si dice contento dell’affluenza e dice che «i primi dati danno alcune indicazioni: attendiamo la conferma che deve ancora giungere. Commentiamo semplicemente exit poll e quindi una valutazione più compiuta debba essere fatta nel momento in cui arriveranno i dati veri. Il presidente del Consiglio parlerà tra circa un’ora. Noi del PD convocheremo gli organi del partito nel giro di pochi giorni, presumibilmente già martedì riuniremo la direzione nazionale, per la valutazione del voto referendario. La storia ci ha insegnato che la conferma degli exit poll in termini di dati reali deve essere poi realizzata: vi rimando al nostro incontro successivo durante la serata per valutazioni più consapevoli e concrete».

23:12 4 Dic 2016

Ha votato il 30,89 per cento degli italiani residenti all’estero. Si tratta di un’affluenza simile a quella delle elezioni politiche del 2013, quando alla Camera votò il 31,59 per cento degli italiani residenti all’estero, e al Senato votò il 32,07 per cento.

23:11 4 Dic 2016

Matteo Salvini ha parlato dieci minuti dopo la chiusura dei seggi, forse è un record: «Se vittoria sarà, sarà vittoria di popolo contro i poteri forti di tre quarti del mondo». Poi si è detto molto contento per l’affluenza. «Non ci interessa la prudenza: se fossero confermati i dati di cui si sta parlando, sarebbe una grande vittoria degli italiani, Renzi in un paese normale dovrebbe dimettersi nei prossimi minuti. Gli italiani vorrebbero tornare a votare subito per le elezioni politiche, senza governicchi, governi del presidente, governi del fantasma formaggino… sarebbe una sconfitta anche dei banchieri, dei finanzieri, di Confindustria, di Coldiretti, di qualche pseudointellettuale, pseudogiornalista finanziato dallo Stato italiano. Sarebbe un segnale inequivocabile contro tutto e contro tutti».

23:05 4 Dic 2016

23:02 4 Dic 2016

Ricapitolando, secondo i primi exit poll, pubblicati subito dopo la chiusura dei seggi alle 23, mostrano il No sono in grande vantaggio. Secondo Ipr Marketing-Istituto Piepoli, i No sono tra il 54 e il 58 per cento e i Sì tra il 42 e il 46 per cento. Secondo EMG Acqua, i No sono tra il 55 e il 59 e i Sì al tra il 41 e il 45. Secondo Tecné, i No sono tra il 55 e il 59 e i Sì sono tra il 41 e il 45 per cento.

22:58 4 Dic 2016
I primi exit poll

EMG ha diffuso il primo exit poll per il TG La7: il No è dato fra il 55 e il 59 per cento, il Sì fra 41 e 45. Attenzione: sono exit poll, e pertanto vanno presi con le molle. Poco dopo li ha pubblicati anche l’istituto Tecne, con dati uguali a quelli di EMG. L’istituto Piepoli dà un dato leggermente diverso: il No fra il 54 e il 58 per cento, il Sì fra il 42 e il 46.

22:49 4 Dic 2016

Si fanno molte ipotesi su cosa Renzi dirà a mezzanotte da Palazzo Chigi. Alcuni sostengono che possa già commentare i risultati (o addirittura annunciare le dimissioni, in caso di vittoria del No), ma vorrebbe dire che prima ancora delle prime proiezioni il risultato sarebbe già netto a favore di una parte o dell’altra. Altri sostengono che si limiterà a dire che molta gente ha votato, che è stata una grande-giornata-di-democrazia e rimandare a più tardi per un commento sui risultati.

22:27 4 Dic 2016

Per gli appassionati: da dieci minuti è iniziata la consueta maratona di Enrico Mentana su La7.

21:26 4 Dic 2016

Matteo Renzi dovrebbe parlare a mezzanotte da Palazzo Chigi, dice SkyTg24.

21:03 4 Dic 2016

Dato definitivo dell’affluenza alle 19: 57,24 per cento.

20:26 4 Dic 2016

Due mappe utili da YouTrend: nella prima i colori più scuri indicano le province con l’affluenza più alta, nella seconda i colori più scuri indicano lo scarto maggiore verso l’alto rispetto alle elezioni europee del 2014.

20:22 4 Dic 2016

L’affluenza alle 19 è stata più alta in Veneto e in Emilia-Romagna, con il 65,91 per cento. L’affluenza è stata più bassa invece in Calabria, 44,34 per cento. In generale l’affluenza è stata più alta nel Centro Nord che nel Sud.

19:40 4 Dic 2016
Affluenza alle 19

Il dato dell’affluenza delle 19, quasi definitivo quindi con minimi margini di variazione, è del 57,48%.

18:56 4 Dic 2016
Cosa tenere d'occhio, ora per ora

19.30 – Dovrebbe arrivare il dato sull’affluenza registrato alle 19: sarà importante per capire se davvero il dato finale supererà il 50 per cento, la stima che più circola da stamattina.

23.00
– Chiudono i seggi: pochi minuti dopo si potranno diffondere i primi exit poll (che ovviamente sono da prendere con le molle).

Mezzanotte
– Inizieranno a girare sia i primi dati reali sia le prime proiezioni elaborate dagli istituti che si occupano di sondaggi.

1.00
– Saranno diffuse le prime proiezioni affidabili: se tutte quante andranno nella stessa direzione, è probabile che per i risultati definitivi non si dovrà attendere troppo a lungo.

18:49 4 Dic 2016

L’articolo da girare all’amico che su Facebook sta gridando al complotto delle matite cancellabili:

La “matita copiativa” è una matita che oltre alla grafite contiene altri pigmenti: alcuni solubili, altri insolubili in acqua. Il segno lasciato delle matite copiative può essere quindi cancellato perché, anche qualora la gomma riesca a rimuovere la grafite, i pigmenti colorati rimangono. La scheda elettorale ha inoltre una superficie abrasiva che rileva ogni segno tracciato, anche quello senza inchiostro o grafite.

(Continua a leggere)

18:42 4 Dic 2016

Intanto YouTrend ha pubblicato le ultime stime sul Conclave dei vescovi in corso in questi giorni (non siamo impazziti: la spiegazione la trovate qui): entrambe le rivelazioni citate danno il cardinale San Norberto avanti, anche se con un distacco inferiore a quello citato negli ultimi giorni.

18:39 4 Dic 2016

Ferdinando Giugliano, giornalista economico di Repubblica che ha lavorato a lungo per il Financial Times, ha scritto su Twitter che a differenza del voto in Austria, è difficile caratterizzare il referendum italiano come inequivocabilmente pro o contro l’establishment: «basti pensare che Monti e l’Economist sono dalla stessa parte del Movimento 5 Stelle!».

18:09 4 Dic 2016

Per chi se lo sta chiedendo: le principali trasmissioni tv che seguiranno lo spoglio inizieranno dopo le 22. Lo speciale del TgLa7 condotto da Enrico Mentana inizierà alle 22.20, mentre la puntata di Porta a Porta condotta da Bruno Vespa inizierà alle 22.50 su Rai 1, dieci minuti prima della chiusura dei seggi. Lo speciale di Sky TG24 inizierà invece alle 22.30.

17:51 4 Dic 2016

La citazione di Beppe Severgnini su Twitter, un po’ criptica (la soluzione, qui).

17:39 4 Dic 2016

Secondo i dati del ministero degli Interni alle 12 l’affluenza è stata del 20,14 per cento. Alle Europee fu del 16,7 per cento, e il dato finale fu del 57,22 per cento (anche se allora si votava in maggio, e dato che faceva più caldo è probabile che il voto fosse più distribuito). Secondo Lorenzo Pregliasco di YouTrend, con i dati a disposizione a questo giro l’affluenza finale supererà il 50 per cento. La prossima rilevazione sarà diffusa alle 19.

17:32 4 Dic 2016

Nel frattempo in Austria, dove si votava al ballottaggio per le elezioni presidenziali, ha vinto il candidato dei Verdi Alexander Van der Bellen. Il candidato dell’estrema destra Norbert Hofer ha ammesso la sconfitta, nonostante non siano ancora state scrutinate tutte le schede: le proiezioni lo danno comunque molto indietro.

17:20 4 Dic 2016

Oggi ce lo siamo chiesti un po’ tutti: a che ora arrivano i primi risultati?:

Per prima cosa, subito dopo la chiusura dei seggi, arriveranno gli exit poll: cioè i sondaggi compiuti chiedendo a chi ha appena votato cosa ha votato. A volte ci prendono, seppur con un margine di errore; altre volte no. Le televisioni e i siti internet potranno parlare di exit poll solo alla chiusura dei seggi, per non influenzare il voto. In base alla velocità con cui saranno scrutinate le prime schede, arriveranno poi le proiezioni: più o meno intorno a mezzanotte. Le proiezioni sono calcoli fatti dagli istituti di statistica, che in base alle schede già scrutinate proveranno a capire quale potrebbe essere il risultato. Sempre intorno a mezzanotte dovrebbero invece iniziare ad arrivare i dati reali, pubblicati e costantemente aggiornati sul sito del ministero dell’Interno: dopo la chiusura dei seggi sono necessarie alcune operazioni burocratiche, e solo una volta concluse si può iniziare effettivamente lo spoglio vero e proprio.

(Continua a leggere)

17:07 4 Dic 2016
Renzi e il documento d'identità

Un’altra questione di cui si sta parlando molto nelle ultime ore: il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha votato senza presentare alcun documento di identità. Qualcuno, come Libero, ha scritto che il suo voto non è regolare. È falso, come ha già spiegato in passato il ministero degli Interni e come c’è scritto nelle “Istruzioni per le operazioni degli uffici di sezione (referendum popolari)” (PDF):

In mancanza di un idoneo documento l’identificazione può avvenire per attestazione di uno dei componenti del seggio che conosca personalmente l’elettore; in mancanza di un idoneo documento e se nessuno dei componenti del seggio è in grado diaccertarel’identità dell’elettore, l’identificazione può avvenire per attestazione di un altro elettore del comune.

17:00 4 Dic 2016

Una mappa di YouTrend che mostra dove l’affluenza è cresciuta rispetto alle Europee del 2014 (anche in quel caso si votò in una sola giornata). Le zone più scure sono quelle in cui l’affluenza è aumentata, rispetto al 2014.

16:52 4 Dic 2016
La questione delle matite

Sta circolando molta agitazione per una voce secondo cui in alcuni seggi il tratto delle matite con cui si compila la scheda sia cancellabile. Repubblica scrive che nelle ultime ore c’è stato «un susseguirsi di denunce, da Roma a Genova, da Napoli a Salerno, da Isernia a Catania». La più famosa è stata probabilmente quella del cantante Piero Pelù, che si è presentato al seggio con una gomma e ha fatto mettere a verbale che il tratto della sua matita non era indelebile.

In realtà le matite utilizzate nelle elezioni non sono matite normali: oltre alla grafite ci sono altri diversi pigmenti, alcuni solubili, altri insolubili in acqua. Il segno lasciato delle matite copiative può essere quindi cancellato perché, anche qualora la gomma riesca a rimuovere la grafite, i pigmenti colorati rimangono. La scheda elettorale ha inoltre una superficie abrasiva che rileva ogni segno tracciato, anche quello senza inchiostro o grafite. 

16:43 4 Dic 2016

Buonasera. Iniziamo con qualche link utile, per gli indecisi e per chi stasera vuole fare quello che la sa lunga:

• La guida del Post del referendum, in tre parti: riforma del Senato, riforma del Titolo quinto e altri interventi minori.

A che ora si sapranno i primi risultati (spoiler: non prima di mezzanotte, probabilmente)

Nove bufale circolate sul referendum, dato che stasera qualcuna salterà sicuramente fuori

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.