Ha vinto il No, Renzi si dimette

Ha annunciato le sue dimissioni da presidente del Consiglio e andrà lunedì al Quirinale

Il presidente del consiglio Matteo Renzi con la moglie Agnese Landini, poco dopo il suo discorso a Palazzo Chigi (ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Il referendum costituzionale è stato vinto dal No e Matteo Renzi lunedì si dimetterà da presidente del Consiglio. Gli elettori hanno votato in maggioranza per respingere la riforma della Costituzione approvata dal Parlamento e proposta dal governo di Matteo Renzi. L’affluenza è stata del 68,58 per cento e con 61.551 sezioni scrutinate su 61.551, il Sì ha raccolto il 40,88 per cento dei voti (13.429.357), mentre il No ha ricevuto il 59,12 per cento dei voti (19.418.356). Tra gli italiani all’estero, quando mancano pochissimi voti da contare, il Sì ha vinto con il 64,69 per cento dei voti (721.244) e il No ha ricevuto il 35,13 per cento dei voti (393.634).

Le notizie pubblicate nel liveblog del Post sui risultati del referendum.

01:34 5 Dic 2016

Sono stati scrutinati 51mila seggi su 61mila: le distanze rimangono le stesse.

01:17 5 Dic 2016

01:14 5 Dic 2016
E adesso?

Abbiamo provato a capire quali saranno i possibili scenari, da domani in poi.

Come da prassi, il presidente della Repubblica accetterà le dimissioni del governo Renzi e gli chiederà di restare in carica dimissionario per occuparsi dei cosiddetti “affari correnti” fino all’insediamento del nuovo governo. Poi il presidente inizierà le consultazioni per capire se in Parlamento esista una maggioranza di deputati e senatori interessata a sostenere un nuovo governo, ed eventualmente chi possa guidarlo: Sergio Mattarella vedrà i leader di partito e i capi dei gruppi parlamentari, e poi prenderà una decisione. Potrebbe decidere a quel punto di affidare a qualcuno l’incarico di formare un governo, se una parte maggioritaria del Parlamento dovesse manifestare questa intenzione, oppure sciogliere le camere, porre fine alla legislatura e indire le elezioni anticipate.

(Continua a leggere)

01:12 5 Dic 2016

La prima pagina del Corriere della Sera che sarà in edicola fra poche ore.

01:05 5 Dic 2016

In tutte le altre ha vinto il No.

01:03 5 Dic 2016

Il video integrale della conferenza stampa di Renzi.

01:01 5 Dic 2016

È ancora in corso una conferenza stampa con alcuni parlamentari del Movimento 5 Stelle fra cui Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista. Pochi minuti fa è stato pubblicato un post sul blog di Beppe Grillo che riassume la posizione del partito:

Evviva! Ha vinto la democrazia. La risposta degli italiani come affluenza alle urne e come indicazione è stata netta. La propaganda di regime e tutte le sue menzogne sono i primi sconfitti di questo referendum. I tempi sono cambiati. La sovranità appartiene al popolo, da oggi si inizia ad applicare veramente la nostra Costituzione.

00:57 5 Dic 2016

Questa foto ha sei mesi. 

00:45 5 Dic 2016

Renzi che se ne va.


(ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

00:41 5 Dic 2016

Al momento non è al centro della discussione, ma i sondaggi hanno nuovamente sbagliato parecchio le loro previsioni: negli ultimi giorni davano un distacco intorno ai 5 punti, nei momenti di massimo distacco erano 10. Il No sta vincendo di circa 19 punti.

00:36 5 Dic 2016

Siamo quasi alla metà dello scrutinio: al momento i dati sono gli stessi delle previsioni più pessimiste degli exit poll.

00:25 5 Dic 2016

«Andiamo via senza rimorsi. L’esperienza del mio governo finisce qui. Domani pomeriggio riunirò il consiglio dei ministri e salirò al Quirinale dove consegnerò al presidente della Repubblica le mie dimissioni»

00:21 5 Dic 2016

«Mi assumo tutte le responsabilità della sconfitta»

00:20 5 Dic 2016

«Questo voto consegna ai leader del fronte del No oneri ed onori insieme alla grande responsabilità di stabilire nuove regole, a partire dalla legge elettorale. Tocca a chi ha vinto avanzare proposte serie, coerenti e credibili»

00:19 5 Dic 2016

Renzi: «il No ha vinto in modo straordinariamente netto»

00:18 5 Dic 2016

Sta parlando Renzi.

00:17 5 Dic 2016

C’è una nuova proiezione di EMG sul 53 per cento dei voti: il No è al 59,5 per cento, il Sì al 40,5.

00:16 5 Dic 2016

Anche Marine Le Pen è molto contenta.

00:10 5 Dic 2016

(È un’autocitazione)

00:04 5 Dic 2016

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.