(STEFAN WERMUTH/AFP/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 30 Novembre 2016

Le nuove banconote da 5 sterline contengono grasso animale

E si rimpiccioliscono se finiscono nell'asciugatrice: sono quelle fatte di plastica che circolano da settembre

(STEFAN WERMUTH/AFP/Getty Images)

Da settembre la banca centrale del Regno Unito ha cominciato a distribuire le nuove banconote da 5 sterline. La loro caratteristica principale è che sono fatte di materiali polimerici, cioè di plastica, e non più di carta. Le nuove banconote sono fatte di una pellicola sottile e flessibile di polipropilene, rivestita di uno strato di inchiostro che permette di stampare il disegno: sono state introdotte dopo anni di studi e ricerche, ma nei primi mesi di utilizzo hanno ricevuto diverse critiche, perché spesso non funzionano nelle macchinette, si rimpiccioliscono se vengono dimenticate nell’asciugatrice e, da un paio di giorni, perché si è scoperto che sono fatte con un materiale che contiene tracce di grasso animale.

Le banconote di plastica da cinque sterline, che entro la prossima estate sostituiranno del tutto quelle vecchie fatte di fibre di cotone e lino, sono state introdotte come primo passaggio per la totale sostituzione delle banconote che circolano nel Regno Unito. Secondo la Banca d’Inghilterra, le nuove banconote saranno più pulite, più resistenti e più difficili da contraffare, dato che la loro produzione richiederà una procedura più lunga e costosa. Produrle costerà di più ma in compenso avranno una durata due volte e mezzo maggiore delle banconote di carta, con conseguenti benefici anche per l’ambiente. Già dalle prime settimane dopo la loro introduzione, tuttavia, diverse persone hanno cominciato a lamentarsi perché le nuove banconote non funzionavano sempre bene nelle macchinette e a postare sui social network foto di quello che succedeva se ce ne si dimenticava una nell’asciugatrice.

L’ultimo problema delle nuova banconote è una petizione, al momento firmata da più di 83.000 persone, con cui si chiede alla Banca d’Inghilterra di produrre le nuove banconote senza usare grasso animale, dopo che la stessa banca ha confermato che in uno dei materiali utilizzati sono contenute tracce di sego, un grasso di origine animale che si ricava di solito dalla macellazione dei bovini e che viene spesso usato per produrre sapone o prodotti alimentari.

Doug Maw, la persona che ha iniziato la campagna di raccolta firme dopo che la Banca d’Inghilterra ha confermato la notizia dell’utilizzo del sego nelle nuove banconote, ha detto di sapere che anche nelle vecchie banconote erano presenti tracce di prodotti animali, ma di essere rimasto molto stupito dal fatto che ci fossero anche in banconote prodotte oggi, quando dovrebbe essere più facile trovare sostituti per i prodotti di natura animale. Se verranno raggiunte le 150.000 firme la petizione verrà consegnata alla Banca d’Inghilterra, che non avrà tuttavia nessun obbligo di prenderla in esame. Maw ha spiegato di non aspettarsi che le banconote già in circolazione vengano sostituite, ma di sperare almeno che per quelle che verranno prodotte in futuro verranno scelti altri materiali.

La petizione chiede:

Le nuove banconote da 5 sterline contengono grasso animale. È inaccettabile per milioni di vegani, vegetariani, hinduisti, sikh, giainiti e altri nel Regno Unito.

Chiediamo che smettiate di usare prodotti animali nella produzione di banconote che noi tutti dobbiamo usare.