(PAUL J. RICHARDS/AFP/Getty Images)

Clinton ha vinto anche il terzo dibattito

E Trump ha detto che non sa ancora se riconoscerà l'esito del voto: cosa è successo stanotte a Las Vegas nell'ultimo confronto tv tra i candidati statunitensi

di Francesco Costa – @francescocosta
(PAUL J. RICHARDS/AFP/Getty Images)

La sera di mercoledì 19 ottobre, quando in Italia erano le tre del mattino del 20 ottobre, Hillary Clinton e Donald Trump si sono confrontati nel loro terzo dibattito televisivo di questa campagna elettorale. È stato il venticinquesimo e ultimo confronto di una campagna elettorale lunghissima, iniziata ufficialmente con le candidature durante la primavera del 2015, passata attraverso un lungo ciclo di primarie e le convention estive, e arrivata adesso a 19 giorni dalle elezioni con cui gli americani sceglieranno il loro prossimo presidente.

Dei tre dibattiti tra Clinton e Trump, quello di stanotte è stato quello più denso e sostanzioso dal punto di vista della politica, soprattutto per merito del moderatore Chris Wallace; la notizia principale però, che apre tutti i siti di news americani, è che Trump non si è impegnato a riconoscere l’esito del voto. I primi sondaggi dicono che Clinton ha vinto anche questo dibattito, dopo i primi due: con il 52 per cento dei consensi contro il 39 di Trump, secondo CNN; con il 49 per cento contro il 39 di Trump, secondo YouGov. Questo risultato rende ancora più complicata la situazione per Trump, che nelle ultime settimane ha perso molto terreno nei sondaggi e che per vincere dovrebbe compiere una rimonta di dimensioni tali da non avere precedenti nella storia delle elezioni presidenziali statunitensi.

Le prime domande si sono concentrate sul ruolo della Corte Suprema: Hillary Clinton ha detto che i Repubblicani dovrebbero al più presto valutare la nomina del giudice Merrick Garland, proposta dal presidente Obama per riempire il seggio oggi vacante, invece che fare ostruzionismo al Senato, e si è impegnata a ribaltare la sentenza cosiddetta “Citizens United”, che dal 2011 permette ai comitati politici di raccogliere fondi senza limiti e con nessuna trasparenza; Clinton ha detto di voler nominare giudici che difendano il diritto delle donne di abortire e quello delle coppie gay di sposarsi. Trump ha accusato Clinton di voler mettere in discussione il secondo emendamento della Costituzione – quello che permette ai cittadini americani di possedere armi – e ha detto che intende nominare giudici che revochino il diritto delle donne ad abortire, rinviando la questione alle decisioni dei singoli stati.

La discussione si è spostata poi sull’immigrazione. Trump ha ribadito le sue proposte: rafforzamento militare del confine tra Texas e Messico anche attraverso la costruzione di un muro e deportazione di tutti gli immigrati irregolari. «Ci sono dei bad hombres nel nostro paese e li cacceremo». Clinton ha evocato un’immagine non casuale rispondendo che le deportazioni di massa proposte da Trump consisterebbero nell’«andare scuola per scuola, casa per casa, azienda per azienda, rastrellando chi non ha i documenti e portandoli via contro la loro volontà su treni e bus». Clinton ha poi accusato Trump di incoerenza, visto che ha impiegato immigrati irregolari nelle sue aziende.

Per la prima mezz’ora almeno, Trump ha mantenuto un atteggiamento molto più calmo e controllato rispetto ai primi due dibattiti: ha risposto con un tono normale, da candidato tradizionale e forse persino rassicurante; è sembrato essersi preparato adeguatamente; non ha interrotto Clinton e non è caduto nelle sue frequenti provocazioni personali. Questa fase è culminata con un passaggio efficace sulla necessità di rinegoziare o abolire gli accordi internazionali di libero scambio, la questione forse in assoluto su cui è più forte e popolare e su cui Clinton è invece in difficoltà, visto il suo passato sostegno a questi trattati.

Col passare dei minuti però Trump è diventato sempre meno sobrio e sempre più Trump, diciamo: ed è sembrato deragliare per la prima volta quando si è parlato di Vladimir Putin e dei tentativi della Russia di influenzare il processo elettorale statunitense. Trump ha di nuovo detto che non ci sono prove che sia stata la Russia a ordinare l’attacco informatico contro il Partito Democratico – anche se l’intelligence statunitense dice il contrario e il governo statunitense ha formalmente accusato la Russia – e poi ha detto che Putin non rispetta Clinton e invece rispetta lui. Clinton ha risposto con prontezza: «Certo, preferisce avere un burattino alla presidenza degli Stati Uniti». Trump ha replicato subito: «Ma quale burattino. Ma quale burattino. Tu sei il burattino».

Quando si è parlato di economia, il moderatore ha chiesto a Trump come pensa di ottenere i risultati ambiziosi che propone, che anche economisti di area conservatrice considerano irrealizzabili. Trump ha risposto: «L’India cresce dell’otto per cento ogni anno. La Cina del sette per cento e per loro è un numero catastroficamente basso. Noi cresciamo dell’uno per cento e il tasso diminuisce. Gli ultimi dati sul mercato del lavoro sono così terribili che dovrei vincere le elezioni con gran facilità». In realtà negli ultimi otto anni – Trump li ha chiamati «il regime di Obama» – gli Stati Uniti hanno quasi dimezzato il loro tasso di disoccupazione: e la ripresa economica è stata lenta ma costante.

Hillary Clinton è andata in difficoltà quando si è parlato della fondazione benefica della sua famiglia, che ha organizzato moltissime grandi iniziative filantropiche – un malato di HIV su due al mondo ha ottenuto dei farmaci grazie alla fondazione Clinton – ma molti sospettano sia stata utilizzata da imprenditori e potenze straniere per ottenere influenza verso i Clinton facendo delle donazioni. Clinton ha elogiato e descritto le attività filantropiche della fondazione ma non ha mai affrontato il merito delle accuse. Le cose sono andate meglio quando ha risposto all’accusa di Trump di avere sì più esperienza, ma «pessima esperienza», e di non avere ottenuto niente in trent’anni di impegno politico.

«Negli anni Ottanta io lavoravo per riformare le scuole in Arkansas. Lui si faceva prestare 14 milioni di dollari da suo padre. Negli anni Novanta ho detto a Pechino che «i diritti delle donne sono diritti umani». Lui insultava una donna, Alicia Machado, ex miss Universo, definendola una «macchina per mangiare». E mentre io partecipavo ai briefing sull’operazione per uccidere Osama bin Laden, lui conduceva The Apprentice. Quindi sono felice di confrontare le nostre esperienze»

A questo punto del dibattito Trump aveva perso la concentrazione della prima mezz’ora. Prima ha accusato Clinton e Obama di aver pagato dei provocatori perché creassero problemi ai suoi comizi. Poi, quando si è riparlato del video del 2005 in cui si vanta di poter molestare tutte le donne che vuole (e racconta di averlo fatto), ha detto che «Nessuno ha più rispetto di me per le donne», una frase che secondo i focus group è sembrata inopportuna anche agli elettori Repubblicani, visto il contenuto del video e visto che nove donne diverse negli ultimi giorni hanno raccontato di essere state molestate da lui; poi ha detto che le accuse sono così inconsistenti che non si è nemmeno scusato con sua moglie; e Hillary Clinton ha ricordato che Trump ha detto di non aver molestato quelle donne perché le considerava brutte, e che nel corso di questa campagna elettorale ha insultato anche un giornalista disabile, i messicani e i genitori musulmani di un soldato morto.

Trump ha detto di non aver mai preso in giro il giornalista disabile, ma si tratta di una delle immagini più famose di questa campagna elettorale: durante l’estate il comitato Clinton ha speso milioni di dollari per trasmettere in tutto il paese uno spot elettorale che contiene quella scena.

Si è arrivati allora al momento centrale della serata, paradossalmente arrivato con una domanda che in qualsiasi altra campagna elettorale non sarebbe nemmeno stata posta, per quanto la risposta sarebbe stata ovvia. Quando il moderatore Chris Wallace ha chiesto ai candidati se intendono riconoscere l’esito e la legittimità delle elezioni anche se dovessero perdere, Trump ha detto: «Ve lo dirò dopo il voto. Creo un po’ di suspense, ok?».

Trump ripete da giorni che queste elezioni sono truccate, senza nessuna prova – un simile complotto dovrebbe coinvolgere tra le altre cose decine di funzionari e governatori Repubblicani, visto che le elezioni sono organizzate dai singoli stati – ma dirlo al dibattito fa tutto un altro effetto, e non solo perché gli elettori tutti, non solo i Democratici, pensano che una pacifica transizione dei poteri sia un punto fermo di ogni democrazia: ma anche perché ha dato a Hillary Clinton la possibilità di segnare una specie di rigore a porta vuota.

«Ogni volta che Donald pensa che le cose non stiano andando come piace a lui, dice che c’è un trucco. L’FBI indaga sulle mie email e dice che non c’è niente di illegale: l’FBI imbroglia. Ha perso i caucus in Iowa e le primarie in Wisconsin: le primarie erano truccate. I pm aprono un’inchiesta per truffa sulla Trump University: il giudice ce l’ha con lui. Una volta col suo reality show non ha vinto un Emmy per tre stagioni consecutive: Trump ha scritto su Twitter che anche gli Emmy erano truccati»

Tutti i siti di news statunitensi aprono oggi con la dichiarazione di Trump sul mancato riconoscimento della sua eventuale sconfitta, e probabilmente per qualche giorno non si parlerà d’altro: quando mancano 19 giorni al voto questo è un problema per chi si trova in svantaggio, come Trump, e dovrebbe cercare di portare la discussione il prima possibile sui temi su cui è più forte.

Non ci sono stati fuochi d’artificio nella parte finale del dibattito – a parte Trump che a un certo punto ha interrotto Clinton per chiamarla «nasty woman», una cosa tipo «donnaccia» – e poco dopo le 21.30 il moderatore Chris Wallace ha salutato esprimendo forse persino un certo sollievo.

«Si concludono così i dibattiti televisivi di quest’anno. Ora tocca a voi decidere. Milioni di persone hanno già votato ma il giorno delle elezioni, l’8 novembre, è lontano soltanto venti giorni. C’è una cosa su cui siamo d’accordo tutti: speriamo che andiate a votare. È uno dei grandi onori e oneri che comporta vivere in questo grande paese. Grazie e buonanotte»