Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera (ANSA / CIRO FUSCO)

Cosa dicono i sondaggi sul referendum

Mancano due mesi al voto, la campagna elettorale è iniziata davvero e si comincia a capire che aria tira

Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera (ANSA / CIRO FUSCO)

Lo scorso 29 settembre, con un evento a Firenze, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha cominciato la campagna elettorale per il referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre. Gli italiani potranno votare “sì” se intendono approvare la riforma della Costituzione voluta dal governo, “no” se intendono respingerla. Dall’inizio dell’anno, gli istituti demoscopici hanno realizzato decine di sondaggi sugli orientamenti del voto degli italiani. Come sempre i sondaggi vanno presi con molta cautela, soprattutto quelli realizzati all’inizio di una campagna elettorale: a due mesi dal voto, anche se il numero degli indecisi è ancora molto alto, è possibile cominciare a trarre qualche prima conclusione.

Chi è in vantaggio?
Secondo la maggior parte dei sondaggi realizzati nel corso delle ultime settimane, i “no” sono in vantaggio sui “sì”. Secondo il sito Termometro Politico, che ha aggregato i sondaggi delle principali società demoscopiche italiane realizzati negli ultimi 30 giorni, su 11 sondaggi, 8 danno in vantaggio il “no” e soltanto 3 danno in vantaggio il “sì”.

La forbice più grande è quella indicata dal sondaggio della società Eumetra Monterosa dello scorso 26 settembre che mostra il “no” in vantaggio con il 55 per cento dei voti. Un risultato simile è stato ottenuto anche dall’Istituto Piepoli (con un sondaggio realizzato il 7 ottobre) e dalla società EMG Acqua (con un sondaggio che risale al 3 ottobre), secondo cui i “no” sarebbero in vantaggio rispettivamente del 54 e del 53,4 per cento. I sondaggi che invece danno in vantaggio il “sì” sono stati realizzati da Ixé, Demos e Lorien e mostrano tutti distacchi più ridotti, intorno a uno-due punti.

Com’è il “trend”?
Una delle cose per cui sono utili i sondaggi è individuare l’andamento delle intenzioni di voto. Anche senza anticipare esattamente i risultati, i sondaggi aiutano a capire quale schieramento ha l’iniziativa e chi sta invece vedendo diminuire il suo consenso. Per quanto riguarda il referendum costituzionale, quello che sembra emergere è una costante crescita dei “no” che comincia nei primi mesi dell’anno e arriva fin quasi agli ultimi giorni.

andamento-sondaggi

(Wikimedia Commons)

Secondo la media bimestrale dei sondaggi realizzata utilizzando tutti i sondaggi pubblici raccolti sul sito del governo, il “no” è partito all’inizio dell’anno in svantaggio di circa 30-40 punti, ma tra maggio e giugno è riuscito a superare il “sì”, mantenendo il suo vantaggio per tutta l’estate. Secondo alcuni istituti, però, con l’inizio vero e proprio della campagna elettorale all’inizio di ottobre, il trend si sta invertendo e il “sì” sta iniziando a recuperare.

Venerdì, sulla Stampa, Nicola Piepoli, la cui società ha misurato uno dei distacchi più ampi tra il “no” e il “sì” (otto punti di vantaggio a favore del primo), ha scritto che la gara rimane molto aperta. Un aspetto che Piepoli fa notare è che il risultato del referendum cambia molto se al campione intervistato si domanda cosa intende votare al referendum, oppure se gli si chiede un’opinione sui singoli aspetti della riforma (noi avevamo spiegato qui i vari cambiamenti previsti). Nel primo caso, i “no” risultano in vantaggio di otto punti sui sì. Nel secondo caso agli intervistati è stato domandato di valutare singolarmente i vari aspetti della riforma, che è stata giudicata positivamente in sei punti su otto: quando alle stesse persone è stato chiesto di valutare la riforma alla luce delle loro risposte, i “sì” sono tornati in vantaggio, anche se di poco: 47 per cento contro 46 per cento.

Bonus
Un altro aspetto interessante evidenziato da diversi sondaggi è che gli elettori del Movimento 5 Stelle sembrano tra i meno motivati ad andare a votare. Secondo Ixé, solo il 58 per cento degli elettori del movimento si recherà alle urne, contro il 74 per cento degli elettori del PD e il 67 per cento di quelli della Lega Nord. Peggio fa solo Forza Italia, con il 40 per cento di intervistati che dice che andrà a votare. Parte della freddezza degli elettori di centrodestra è probabilmente dovuta alla confusione che regna nel partito.

Inizialmente, la riforma è stata appoggiata e votata da Forza Italia, che in seguito ha cambiato idea per ragioni di tattica politica. Per quanto alcuni esponenti di Forza Italia, come il capogruppo alla Camera Renato Brunetta, facciano una dura opposizione al referendum, per alcune delle figure in ascesa nel partito, come l’ex candidato sindaco di Milano Stefano Parisi, l’opposizione al referendum è un tema secondario. Silvio Berlusconi, inoltre, deve ancora prendere una posizione forte sulla questione.

Tornando al Movimento 5 Stelle, parte della ragione per il basso numero dei suoi elettori che dichiarano di voler andare a votare risiede probabilmente nel fatto che sono tra gli italiani ad avere meno chiaro il contenuto della riforma. Secondo il sondaggio di Piepoli, solo il 58 per cento degli elettori del Movimento 5 Stelle dichiara di essere “molto” o “abbastanza” informato sul referendum, contro il 78 degli elettori di centrosinistra e il 74 di quelli di centrodestra.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.