• Media
  • giovedì 29 settembre 2016

Il Manifesto, ridisegnato

Da oggi il quotidiano ha una nuova grafica e un'idea che definisce "rivoluzionaria": investire ancora sul giornale di carta

Il Manifesto, il più importante quotidiano italiano di sinistra radicale, ha cambiato la grafica della sua edizione di carta. Il cambiamento è stato annunciato oggi con un editoriale della direttrice Norma Rangeri e un titolo nell’ultima pagina del giornale, “Oggi facciamo la rivoluzione”. Fra le cose che sono cambiate, ci sono il colore della striscia in prima pagina – da arancione è diventata rossa – e la grafica leggermente diversa delle pagine. Rangeri ha anche annunciato che il giornale presto avrà 24 pagine al posto di 16 – per ora solo nell’edizione domenicale – e che ci saranno più supplementi rispetto al passato. Dopo anni di guai finanziari, dal luglio di quest’anno il Manifesto è di proprietà di una cooperativa di circa 40 soci che per molto tempo aveva cercato di comprare il giornale dopo che era entrato in liquidazione. 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.