Il tennista spagnolo Rafael Nadal durante la partita contro l'uzbeko Denis Istomin agli US Open - New York, 29 agosto 2016 (Mike Stobe/Getty Images for USTA)
  • Sport
  • martedì 30 agosto 2016

Sono iniziati gli US Open

Le cose fondamentali da sapere sul più importante torneo di tennis statunitense e le foto più belle finora

Il tennista spagnolo Rafael Nadal durante la partita contro l'uzbeko Denis Istomin agli US Open - New York, 29 agosto 2016 (Mike Stobe/Getty Images for USTA)

Il 29 agosto sono iniziati gli US Open, il più importante torneo di tennis degli Stati Uniti, che si svolge a New York nel complesso di Flushing Meadows, nel Queens, e che si concluderà quest’anno l’11 settembre. Gli US Open si giocano sul cemento e sono un Grand Slam, cioè uno dei quattro tornei di tennis più prestigiosi al mondo, insieme al Roland Garros di Parigi, agli Australian Open di Melbourne, e a Wimbledon di Londra.

Come ogni anno, la prima partita è stata giocata sul campo dedicato al tennista statunitense Arthur Ashe dal vincitore dell’edizione passata, il serbo Novak Djokovic, che ha battuto, anche se con difficoltà, il polacco Jerzy Janowicz per 6-3 5-7 6-2 6-1. Ha passato il primo turno anche lo spagnolo Rafael Nadal, che ha sconfitto l’uzbeko Denis Istomin, mentre per ora la sconfitta più rilevante nel campionato maschile è quella del francese Richard Gasquet, eliminato dal britannico Kyle Edmund. Tra gli eliminati importanti c’è anche la tennista portoricana Monica Puig, che ha vinto la medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio de Janeiro, battuta dalla cinese Zheng Saisai.

Djokovic – al primo posto della classifica ATP dei tennisti professionisti – è anche quest’anno tra i favoriti del torneo, che ha già vinto due volte, e nel 2016 ha già vinto il Roland Garros e l’Australian Open. È seguito dallo scozzese Andy Murray, il primo tennista ad aver vinto due medaglie d’oro consecutive alle Olimpiadi, che sembra in ottima forma ed è dato da molti per favorito nella vittoria del suo secondo US Open: mercoledì 31 incontrerà al primo turno il ceco Lukas Rosol. Lo svizzero Roger Federer, altro grande favorito di sempre agli US Open, non partecipa al torneo per la prima volta del 1999 a causa di un infortunio al ginocchio che si è aggravato nella semifinale di Wimbledon. Tra i favoriti ci sono anche l’argentino Juan Martín del Potro, che ha battuto sia Djokovic che Nadal alle Olimpiadi, il canadese Milos Raonic e Nadal.

La statunitense Serena Williams è la favorita del torneo femminile, che l’anno scorso era stato vinto dall’italiana Flavia Pennetta, che si era poi ritirata dal tennis professionistico. Seguono la tedesca Angelique Kerber, che ha passato il primo turno battendo la slovena Polona Hercog, e la spagnola Garbiñe Muguruza che ha sconfitto la belga Elise Mertens. Secondo il sito di Nate Silver FiveThirtyEight, al terzo posto ci sarebbe invece tra le favorite la rumena Simona Halep.

Tra gli italiani, hanno già passato il primo turno Roberta Vinci, che ha battuto la tedesca Lena Friedsam, e Andreas Seppi contro il francese Stephane Robert. Sara Errani è stata invece eliminata dalla statunitense Shelby Rogers e Francesca Schiavone dalla russa Svetlana Kuznetsova. Molti italiani giocheranno il primo turno il 31 agosto: Fabio Fognini contro il russo Teymuraz Gabashvili, Paolo Lorenzi contro l’argentino Carlos Berlocq e Camila Giorgi contro l’australiana Samantha Stosur. Errani e Vinci continueranno a non giocare il doppio insieme, nonostante l’abbiano fatto alle Olimpiadi di Rio, come ormai non accade dal marzo 2015.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.