Amatrice, 24 agosto 2016 (AP Photo/Alessandra Tarantino)
  • Italia
  • mercoledì 24 agosto 2016

Le foto e i video da Amatrice e Accumoli

Le case e gli altri edifici distrutti dalle scosse di mercoledì notte e i soccorsi per trovare le persone sotto le macerie

Amatrice, 24 agosto 2016 (AP Photo/Alessandra Tarantino)

Il terremoto di magnitudo 6 questa notte con epicentro tra Accumoli e Amatrice, in provincia di Rieti, nel Lazio, ha causato danni in un raggio di qualche decina di chilometri ed è stato avvertito fino a Roma, che dista più di 100 chilometri. Accumoli, Amatrice e Pescara del Tronto sono i tre posti danneggiati più gravemente dal terremoto. il sindaco di Accumoli Stefano Petrucci ha detto che «il paese è semidemolito: la caserma dei Carabinieri, le chiese, la casa parrocchiale, molte abitazioni sono state colpite», mentre il sindaco di Amatrice ha detto che «Le case non ci sono più e la gente sta sotto». Le immagini che arrivano dalle agenzie fotografiche e i video girati questa mattina mostrano case e chiese distrutte o semidistrutte, squadre di soccorso che cercano persone ferite e intrappolate nelle macerie, ruspe, edifici sventrati, e gli abitanti che hanno passato la notte in strada.

Leggi anche: Terremoto nel Centro Italia: le notizie in diretta

Nelle ore successive alla prima scossa si sono verificate altre scosse piuttosto intense di magnitudo 5.4 e 5.1 poco più a nord, attorno a Norcia, in provincia di Perugia. A Urbino sono in corso verifiche dopo la segnalazione di alcune piccole crepe che si sarebbero formate nelle mura del Palazzo Ducale, in seguito alle scosse di terremoto. La Protezione civile ha detto mercoledì sera che le persone morte a causa del terremoto sono 247; il numero dei dispersi è ancora imprecisato.

Le foto di Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto:

I video dei danni:

Il salvataggio di alcune persone rimaste intrappolate nelle macerie questa mattina ad Amatrice.

Pescara del Tronto:

Amatrice poco dopo il terremoto:

Un video girato questa mattina dalla polizia

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.