• Mondo
  • lunedì 11 luglio 2016

La storia della foto della manifestante a Baton Rouge

È stata scattata sabato ed è finita dappertutto, per la sua efficacia nel rappresentare le manifestazioni di "Black Lives Matter"

Da alcuni giorni sta circolando molto su internet una foto scattata a Baton Rouge, la capitale della Louisiana, dove centinaia di persone hanno protestato contro le violenze della polizia americana contro i neri. La foto è stata scattata sabato 9 luglio da Jonathan Bachman, un fotografo di New Orleans di 31 anni che stava realizzando un servizio sulle proteste per l’agenzia fotografica Reuters: ritrae una giovane donna afroamericana in piedi davanti a un gruppo di poliziotti in tenuta antisommossa, mentre due di loro la stanno per arrestare. La foto è finita su moltissimi siti di news e giornali internazionali, ed è stata definita “iconica” per la sua efficace rappresentazione del clima teso degli Stati Uniti negli ultimi mesi. La stessa scena è stata fotografata da Max Becherer, un fotografo di Associated Press, la cui foto però ha avuto meno risonanza.

Police Shootings Louisiana
(AP Photo/Max Becherer)

Negli ultimi giorni Baton Rouge è stata una delle città dove ci sono state le più significative proteste contro le violenze della polizia sui neri, insieme a New York, Chicago e St. Paul, in Minnesota. Le proteste sono state perlopiù pacifiche, con qualche scontro isolato, ma la polizia ha comunque arrestato centinaia di persone. Le proteste di questi giorni sono state organizzate tra gli altri dal movimento Black Lives Matter, dopo le uccisioni da parte della polizia di Philando Castile e Alton Sterling, due uomini afroamericani, e dopo la strage di Dallas, in cui cinque poliziotti sono stati uccisi da un cecchino durante una manifestazione contro le violenze della polizia.

Alla manifestazione a Baton Rouge durante la quale Bachman ha scattato la fotografia della donna, 100-200 persone stavano bloccando il traffico su una strada. Dopo un po’, ha spiegato Bachman a BuzzFeed, sono arrivati i poliziotti in tenuta anti-sommossa, che hanno detto ai manifestanti di andarsene. Alcuni manifestanti se ne sono andati, altri hanno iniziato a gridare ai poliziotti, mentre una donna è rimasta ferma in piedi davanti alla polizia. Bachman ha raccontato: «Stavo fotografando qualcuno litigare con un poliziotto e poi ho guardato alle mie spalle e l’ho vista lì, non aveva nessuna intenzione di spostarsi. Stava lì in piedi e ferma. Ero contento di poter catturare qualcosa del genere». L’arresto della donna non è stato violento, ha detto Bachman, perché lei non ha opposto resistenza.

Tra sabato e domenica, la foto è stata condivisa migliaia di volte su Facebook e su Twitter, ed è finita su moltissimi siti di news. Shaun King del New York Daily News l’ha condivisa su Facebook, e il suo post ha ricevuto 30mila “mi piace” e oltre 20mila condivisioni. Finora non è stato ancora confermato ufficialmente il nome della manifestante, ma il New York Daily News ha scritto che parlando con alcuni suoi amici e consultando i documenti sugli arresti di sabato è risalito all’identità della donna: si chiama Ieshia L. Evans, ha 35 anni, fa l’infermiera e ha un figlio piccolo. Domenica pomeriggio Shaun King del New York Daily News aveva scritto su Twitter che la donna era ancora in carcere, ma nella sera (ora americana) ha detto che era stata rilasciata. Sempre il Daily News ha scritto che Evans ha pubblicato un post su Facebook per ringraziare degli auguri e degli incoraggiamenti, dicendo di essere felice di stare bene e di non aver visto nessun ferito nelle proteste.

Bachman ha raccontato che la foto è stata la prima che ha inviato a Reuters, «perché sapevo che sarebbe stata una fotografia importante. Puoi fare foto a tantissime persone che vengono arrestate, ma credo che questa dica più cose sul movimento e su quello che i manifestanti stanno cercando di ottenere qui a Baton Rouge».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.