Il capitano del Leicester, Wes Morgan, alza il trofeo durante la premiazione, il 3 maggio 2014 (Cal Sport Media via AP Images)
  • Sport
  • martedì 3 maggio 2016

Dov’era il Leicester City due anni fa esatti

Anche il 3 maggio del 2014 stava festeggiando, con mezza squadra uguale a oggi: ma era la vittoria della Championship, la seconda divisione inglese

Il capitano del Leicester, Wes Morgan, alza il trofeo durante la premiazione, il 3 maggio 2014 (Cal Sport Media via AP Images)

Ad agosto del 2013 il Leicester City era allenato dall’inglese Nigel Pearson e stava per iniziare la stagione in Championship, la seconda divisione inglese, pochi mesi dopo aver perso i playoff per la promozione in Premier League al termine di una partita incredibile contro il Watford allenato Gianfranco Zola. Fin dalla prima partita di campionato Pearson cominciò a schierare fra i titolari il centrocampista Daniel Drinkwater, cresciuto nel Manchester United ma poi scartato, e l’attaccante Jamie Vardy. Nella prima partita della stagione contro il Middlesborough segnarono entrambi e continuarono a giocare bene tutto l’anno (Vardy segnò altri quindici gol). Nella seconda metà della stagione si vide anche il centrocampista algerino Riyad Mahrez, che il Leicester comprò nella sessione di mercato invernale dal Le Havre. Mahrez giocò una ventina di partite e segnò tre gol.

Il Leicester stravinse quella Championship con 102 punti, nove in più della seconda, e ottenne la promozione diretta in Premier League. Il 3 maggio del 2014, esattamente due anni fa, al termine dell’ultima partita della stagione il Leicester festeggiò in casa la vittoria in campionato con circa la metà dei giocatori che oggi stanno festeggiando la vittoria della Premier League, che verrà ricordata come un’impresa impossibile, non solo nel mondo del calcio. Nelle foto qui sotto, oltre a Vardy e Mahrez, si possono riconoscere Kasper Schmeichel, Wes Morgan, Marcin Wasilewski, Jeff Schlupp, Liam Moore e Andy King, tutti ancora nel club.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.