• Sport
  • lunedì 2 maggio 2016

Il Leicester ha vinto la Premier League

Alla fine è successo: il Tottenham ha pareggiato contro il Chelsea, e la squadra di Claudio Ranieri ha vinto il campionato inglese, in un'impresa incredibile

EPA/FACUNDO ARRIZABALAGA

Il Leicester City ha vinto la Premier League, il campionato di calcio inglese, compiendo la più grande impresa del calcio moderno. La squadra, allenata dall’italiano Claudio Ranieri, ha vinto matematicamente il titolo con due giornate di anticipo: lunedì sera infatti il Tottenham – secondo in classifica – ha pareggiato per 2 a 2 contro il Chelsea. Ora il Tottenham ha 70 punti, e anche se vincesse entrambe le partite rimaste non raggiungerebbe il Leicester, che è primo a 77 punti.

premier-league

La partita tra Chelsea e Tottenham è stata molto emozionante: il Tottenham vinceva 2 a 0 alla fine del primo tempo, grazie ai gol dell’attaccante Harry Kane al 35esimo minuto e dell’esterno Son Heung-Min al 44esimo. Nel secondo tempo però il Chelsea ha rimontato: ha segnato il difensore Gary Cahill al 58esimo e l’esterno Eden Hazard all’83esimo.

(La più grande impresa del calcio moderno: il racconto di questa stagione del Leicester)

Le prime foto dei festeggiamenti a Leicester:

Quella del Leicester è stata una stagione incredibile, che non ha eguali e che ha ricevuto tantissime attenzioni in tutto il mondo: solo due anni fa la squadra era in seconda divisione e l’anno scorso si salvò solo grazie a una serie di vittorie nelle ultime partite di campionato. Quest’anno ha iniziato la stagione esonerando il proprio allenatore e ingaggiandone uno, l’italiano Claudio Ranieri, che nessuno considerava “da grande squadra” e che sette mesi prima aveva guidato la nazionale greca nel peggior girone di qualificazione a un campionato europeo della sua storia. All’inizio del campionato, l’obiettivo del Leicester era quello di non retrocedere.

(La carriera di Claudio Ranieri, raccontata per immagini)

Il video dei giocatori del Leicester che esultano dopo la fine di Chelsea-Tottenham:

(Altri Leicester: storie di squadre di calcio che hanno compiuto imprese impossibili, simili a quella della squadra allenata da Claudio Ranieri)

Ciononostante, il Leicester non sarebbe considerato una squadra “povera” nel resto d’Europa: in estate erano stati spesi 50 milioni di euro per acquistare nuovi giocatori, una cifra superiore a quella che investono molte squadre che occupano la prima metà della classifica di importanti campionati europei di calcio (tra cui quello italiano, tedesco o spagnolo). Il club aveva anche ottenuto 100 milioni di euro in un solo anno dalla vendita dei diritti televisivi, senza contare che dal 2012 la squadra è proprietà di uno degli uomini più ricchi della Thailandia. In Inghilterra però si gioca il campionato di calcio più famoso e seguito al mondo e le squadre che ci partecipano investono moltissimi soldi per raggiungere gli obiettivi stagionali.

Tutti i giocatori acquistati dal Leicester nel corso dell’ultima estate costano più o meno quanto Kevin De Bruyne del Manchester City, pagato 74 milioni, o Raheem Sterling comprato sempre dal City per 64 milioni, o Christian Benteke, costato al Liverpool circa 46 milioni di euro. Uno dei migliori giocatori del Leicester, Riyad Mahrez, è costato appena 500mila euro e pochi giorni fa ha vinto il PFA Player of the Year, il premio dato al miglior giocatore del calcio professionistico inglese.

Mostra commenti ( )