I libri di quando Einaudi era a colori

Una mostra a Milano raccoglie le prime edizioni di 300 volumi usciti tra il 1933 e il 1983: raccontano un pezzo della casa editrice torinese e della grafica italiana

Dal 31 marzo al 23 aprile la Galleria Gruppo credito valtellinese di Milano ospiterà una mostra dedicata ai libri pubblicati da Einaudi dal 1933 – anno della fondazione – al 1983, il periodo definito classico della casa editrice torinese. Sono esposte le prime edizioni di 300 volumi usciti in quegli anni nelle 92 collane di Einaudi (come i Coralli, Frontiere, Centopagine, e i Gettoni), provenienti dalla collezione del torinese Claudio Pavese, che comprende tremila dei cinquemila testi pubblicati dalla casa editrice in quel periodo. Oltre a raccontare la storia della casa editrice e dei romanzieri, saggisti e poeti che ha pubblicato nel tempo, la collezione mostra anche un pezzo di storia dell’arte e della grafica italiana, con le copertine – molto più colorate delle attuali, dove domina il bianco – disegnate da alcuni dei più importanti illustratori italiani e internazionali, tra cui Albe Steiner, Max Huber e Bruno Munari. La mostra è stata allestita da Andrea Tomasetig che ne ha curato anche il catalogo, stampato in tiratura limitata in coedizione con Libraccio.

Storia di Stile Libero, che ha 20 anni

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.