• Moda
  • giovedì 11 febbraio 2016

La prima copertina con Gigi Hadid su Vogue Francia

Sono due, entrambe per il numero di marzo: in una indossa una giacca Chanel, nell'altra porta solo i tacchi

La copertina del prossimo numero dell’edizione francese di Vogue è dedicata alla modella statunitense Gigi Hadid, una delle più famose e pagate al mondo. Hadid ha vent’anni ed è già apparsa sull’edizione italiana, australiana, brasiliana, olandese e spagnola di Vogue, ma quella francese è decisamente la più prestigiosa, superata soltanto dalla statunitense, che è diretta da Anna Wintour e considerata la più autorevole rivista di moda al mondo. Le copertine sono due, scattate entrambe dai fotografi di moda Mert & Marcus: in una Hadid indossa una giacca Chanel e molte collane di perle, nell’altra è completamente nuda, tacchi a parte.

Tutte le copertine di Vogue con Gigi Hadid

Hadid, che ha 12,9 milioni di followers su Instagram, è spesso accusata di non essere abbastanza magra per fare la modella e di essere stata aiutata da raccomandazioni e agganci nella buona società (suo padre, di origine palestinese, è un importante imprenditore immobiliare). Tra le tante cose che ha fatto, è apparsa nel video di Bad Blood di Taylor Swift, di cui è molto amica, e in quello di Pillow Talk, il primo singolo di Zayn Malik (con cui Hadid ha anche una relazione) dopo aver lasciato gli One Direction; quest’anno ha inoltre debuttato nella sfilata di Victoria’s Secrets, uno degli eventi di moda più attesi dell’anno.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.