Simona Halep festeggia la vittoria contro Victoria Azarenka. (Al Bello/Getty Images)
  • Sport
  • giovedì 10 settembre 2015

Le semifinali degli US Open 2015, cosa seguire

Ci sono in ballo diverse storie: un record per Serena Williams, una semifinale maschile di svizzeri, due italiane in semifinale femminile

Simona Halep festeggia la vittoria contro Victoria Azarenka. (Al Bello/Getty Images)

Nella notte italiana tra il 9 e il 10 settembre si sono giocati gli ultimi due quarti di finale del torneo di singolare maschile degli US Open, uno dei più importanti del tennis mondiale: nella prima partita lo svizzero Stan Wawrinka ha battuto il sudafricano Kevin Anderson per 6-4, 6-4, 6-0, e nella seconda Roger Federer ha battuto il francese Richard Gasquet con il punteggio di 6-3, 6-3, 6-1.
Federer – che è il numero due della classifica mondiale e fino a questo punto del torneo non ha ancora perso un solo set – giocherà quindi in semifinale contro il connazionale Wawrinka, attualmente numero cinque al mondo; nell’altra semifinale ci saranno invece il campione in carica, il croato 26enne Marin Cilic, e il tennista serbo numero uno del ranking mondiale, Novak Djokovic. Lo scorso anno Cilic aveva vinto il torneo molto a sorpresa, dopo aver battuto Federer in semifinale e Kei Nishikori in finale: al momento è l’ottavo tennista del ranking mondiale e questa semifinale raggiunta è il suo miglior risultato quest’anno in un torneo del Grande Slam.

Tra martedì e mercoledì, inoltre, si sono conclusi anche i quarti di finale del torneo di singolare femminile, che sono andati molto bene per le tenniste italiane ancora in gara: Roberta Vinci e Flavia Pennetta. Vinci ha vinto in tre set contro la francese Kristina Mladenovic con il punteggio di 6-3, 7-5, 6-4 e ora giocherà la semifinale contro Serena Williams, che ha battuto ai quarti sua sorella Venus (e che può diventare la prima tennista a vincere i quattro tornei del Grande Slam nello stesso anno, dal 1988). Flavia Pennetta giocherà l’altra semifinale contro la rumena Simona Halep dopo aver battuto la tennista ceca Petra Kvitova. Per Pennetta e Vinci non sarà facile arrivare in finale, comunque: Serena Williams è la tennista più forte del momento (e forse la più forte di sempre) e Simona Halep è la seconda del ranking mondiale dopo Williams e sembra essere in ottima forma.

Le semifinali femminili si giocheranno giovedì 10 settembre a partire dalle 19,00 ora americana, quando sarà l’una di notte in Italia. La prima partita sarà quella tra Williams e Vinci, e poi giocheranno Halep e Pennetta. Le semifinali maschili si giocheranno invece venerdì a partire da mezzogiorno, le 20 ora italiana: prima Djokovic e Cilic, poi Federer e Wawrinka.

Gli altri
Andy Murray, il tennista scozzese numero 3 nel ranking mondiale, è stato eliminato al quarto turno da Kevin Anderson dopo quattro set molto combattuti e decisi per tre volte dal tie-break. Anche se molti hanno elogiato l’ottima partita giocata da Kevin Anderson, Murray è apparso sempre piuttosto nervoso e scontento del suo gioco, e ha anche distrutto una racchetta scaraventandola a terra in un momento di frustrazione.
L’altro giocatore molto forte ad essere eliminato molto in anticipo rispetto alle aspettative è stato Rafael Nadal, che ha perso contro l’italiano Fabio Fognini in 5 set. Sono diversi mesi che Nadal non riesce a giocare ad alto livello e quest’anno non è mai riuscito a superare i quarti di finale di un torneo del Grande Slam, tuttavia è ancora uno dei 10 giocatori più forti del mondo e in molti si aspettavano qualcosa di meglio da parte sua. Fognini è stato poi eliminato al quarto turno dallo spagnolo Feliciano Lopez, in 3 set.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.