Giocando con le foto di Costică

Un'artista australiana ha ritoccato le immagini scattate durante la Prima guerra mondiale da un grande fotografo rumeno, trasformandole in immagini colorate e surreali

Dancing with Costică

Costică Acsinte (spesso scritto Axinte), nato nel 1897 nel piccolo villaggio rumeno di Perieți, è stato probabilmente l’unico fotografo professionista in Romania durante la Prima guerra mondiale e nei vent’anni successivi: alla sua morte, nel 1984, aveva accumulato una collezione di oltre 5 mila negativi su lastra di vetro che ritraevano scene di guerra e persone di ogni età. Negli anni Ottanta l’avvocato e fotografo romeno Cezar Popescu ha iniziato un progetto per salvare e dare visibilità alle fotografie di Costică Acsinte, senza alcun sostegno istituzionale, che consisteva nella pulizia di ogni singolo negativo; nel 2013 si è passati alla digitalizzazione dell’intero archivio, il Costică Acsinte Archive, che è di pubblico dominio e può essere visitato sul sito Colectiacosticaacsinte.eu e sul relativo account Flickr.

L’artista e graphic designer australiana Jane Long nel 2014 ha scoperto casualmente l’archivio su Flickr e ha deciso di ritoccare con Photoshop le vecchie fotografie di Acsinte, colorandole e inserendo degli elementi surreali: il risultato di questo “restauro digitale” è la serie Dancing with Costică, in cui vengono messi a confronto gli scatti originali di Acsinte e le immagini trasformate da Long, quasi sempre in contesti surreali e onirici. “Volevo ridare vita a quelle foto”, spiega Long, “ma più di tutto volevo dare loro una storia. Volevo che le persone riconoscessero nei soggetti fotografati delle persone reali, non solo delle vecchie fotografie. Aggiungere i colori cambia completamente la percezione di un’immagine. In più, volevo cambiare il contesto delle foto: all’epoca era raro che le persone sorridessero nelle foto (i protagonisti ritratti infatti non sorridono mai), ma ciò non significa che non abbiano riso e amato”. Il progetto sarà esposto fino al 20 settembre all’International Photo Biennale di Ballarat, in Australia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.