• Mondo
  • domenica 23 agosto 2015

Il goffo fotomontaggio su un volantino elettorale di Jeb Bush

La campagna per la sua candidatura a presidente sembra averlo collocato sul corpo di un nero, ma si è dimenticata una mano

Right to Rise, un comitato di raccolta fondi indipendente (“Super PAC”) legato al candidato repubblicano statunitense Jeb Bush, ha recentemente inviato per posta a più di 86mila abitanti dello Iowa un volantino elettorale in favore dello stesso Jeb Bush con un fotomontaggio riuscito molto male e che sta venendo molto deriso dai critici di Bush e della sua candidatura. Nella foto, la mano sinistra di Bush è molto più scura rispetto al colore della pelle del viso e della mano destra. Secondo il blog di sinistra ThinkProgress, il volto di Bush è stato inserito nel corpo di un afroamericano con un fotomontaggio mal sistemato. Il sito di TIME, invece, ha spiegato che la foto è stata ulteriormente manipolata: sullo sfondo compare l’immagine di un ponte di Cedar Rapids, la seconda città più grande dell’Iowa, che è tratta da un’immagine d’archivio di agenzia. Right to Rise, che finora ha raccolto circa 100 milioni di dollari (circa 88 milioni di euro) non ha ancora commentato gli appunti. L’Iowa è il primo stato interessato dalle primarie del partito repubblicano per la presidenza degli Stati Uniti: il caucus (“congresso”) dei Repubblicani che assegnerà i primi delegati per le primarie si terrà l’1 febbraio 2016.

jeb

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.