Marianna Madia, ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione. (Fabio Cimaglia / LaPresse)
  • Italia
  • martedì 11 agosto 2015

Non vi siete accorti della riforma più importante

Per l'economista Emanuele Felice sulla Stampa quella della Pubblica Amministrazione è stata sottovalutata dai media

Marianna Madia, ministra per la semplificazione e la pubblica amministrazione. (Fabio Cimaglia / LaPresse)

Emanuele Felice, economista e professore di storia economica presso l’università autonoma di Barcellona, ha spiegato sulla Stampa perché la riforma più importante fin qui del governo Renzi è secondo lui quella meno discussa: la riforma della pubblica amministrazione, diventata legge la settimana scorsa. Visto che non ha comportato grandi liti e proteste politiche, la stampa se n’è occupata pochissimo, ma secondo Felice è una riforma “molto ambiziosa e complessa” e “pregna di visione strategica”. “Nessun’altra riforma di Renzi finora era apparsa, a un tempo, così coerente e innovativa”, scrive Felice.

Ma Renzi è davvero sulla via del tramonto? Avversato con durezza da una parte della sinistra, il premier sembra aver perduto anche il favore di quell’opinione pubblica moderata che – pur da prospettive diverse e con accenti non sempre coerenti – aveva visto in lui un innovatore: troppo timido, si dice, condizionato dalle tradizionali lobby e compromesso nei giochi di potere della vecchia politica. Matteo Renzi a conti fatti è solo un altro Depretis, un modernizzatore a metà che sopravvive grazie al trasformismo ma si rivela incapace di imprimere alla sua azione – e quindi al Paese – una svolta strategica? È ancora presto per dirlo.

Proprio nei giorni scorsi il giovane premier è riuscito a fare approvare la riforma più ambiziosa e complessa che si sia vista in Italia negli ultimi decenni: una legge che risulta condizione imprescindibile, necessaria anche se non sufficiente affinché l’Italia possa liberarsi dalla prospettiva del declino (non si tratta solo di agganciare la ripresa, si badi bene, ma di uscire da un declino economico, sociale e culturale che precede la crisi del 2008); e che allo stesso modo è premessa anche per il riscatto del Mezzogiorno.

Mi riferisco alla riforma della pubblica amministrazione.

(continua a leggere sulla rassegna stampa del Sole 24 Ore)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.