Ribelli per sempre

Foto di persone che con l'età non hanno deciso di rinunciare a tatuaggi, musica rock e vecchie passioni

Ribelli per sempre

Muir Vidler è un fotografo quarantenne nato in California che vive a Londra: ha realizzato una serie fotografica dal titolo Rebels Without a Pause, un nome che riprende ironicamente il titolo originale del film più famoso interpretato da James Dean, Gioventù Bruciata (Rebel Without a Cause). Vidler ha fotografato alcuni personaggi un po’ avanti con gli anni che, nonostante l’età, non hanno rinunciato a seguire le proprie passioni, legate principalmente alle sottoculture diffuse a partire dagli anni Sessanta nel Regno Unito: skinheads, mods, Teddy Boys, grandi fan di Elvis, ma anche artisti di circo, skateboarders e appassionati di pratiche sessuali particolari. Come racconta Vidler:

Il mio primo lavoro dopo essermi trasferito a Londra è stato per la rivista gay QX. Andavo tre o quattro notti a settimana a scattare foto in diversi club. La mia serata preferita era la “Love Muscle” al Fridge di Brixton, e fu lì che incontrai Adrian Delgoffe, che ballava da solo indossando un paio di pantaloni di pelle attillati. Adrian aveva già una sessantina di anni, era più anziano di mio padre, e pensai che fosse davvero fico il fatto che fosse lì a ballare invece che a casa davanti alla TV. (…) Grazie ad Adrian ho cominciato a pensare a quelle persone che non lasciano che sia l’età a definire ciò che sono, quello che indossano o come si comportano – persone che rendono il mondo un posto migliore e più interessante. Volevo realizzare una serie di ritratti che celebrassero proprio quelle persone, quelle che non sono cresciute mai.

La serie completa e gli altri lavori di Muir Vidler si possono vedere sul suo sito.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.