(AP Photo/Petros Karadjias)

La Grecia farà un referendum sul piano di aiuti

Il 5 luglio i greci dovranno decidere se accettare il programma di riforme che l'Europa ha chiesto in cambio di un prestito

(AP Photo/Petros Karadjias)

Il primo ministro greco Alexis Tsipras ha annunciato un referendum per chiedere ai suoi concittadini se vogliono accettare il piano di riforme chiesto dall’Europa e dagli altri creditori in cambio del prestito che permetterà alla Grecia di evitare la bancarotta nelle prossime settimane. Tsipras ha definito le proposte europee «umilianti» e le ha chiamate «un ricatto», ma ha anche aggiunto che rispetterà la volontà dei greci che emergerà dal voto. Il referendum, ha detto Tsipras, si terrà il 5 luglio. Il piano di aiuti alla Grecia, però, scadrà martedì e non è ancora chiaro cosa accadrà anche nel caso i greci dovessero votare a favore dell’accordo. I ministri dell’eurozona hanno rifiutato la possibilità di estendere il programma di aiuti fino a dopo il referendum.

Nelle ultime settimane di negoziati, il governo greco aveva offerto programmi di riforma che contenevano soprattutto aumenti di imposte alle grandi aziende e ai professionisti e riducevano molto i tagli al settore pensionistico e a quello pubblico. I creditori della Grecia, cioè il resto degli stati membri dell’eurozona, il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Centrale Europea, hanno sempre respinto le proposte greche definendole irrealistiche e chiedendo invece tagli soprattutto alla spesa pensionistica. Le trattative su questi punti vanno avanti oramai da mesi e giovedì notte è fallito l’ultimo vertice tra i negoziatori greci e i ministri delle Finanze dell’eurozona. Il tempo a disposizione della Grecia, però, è oramai quasi scaduto.

Martedì prossimo scadrà la rata del debito da 1,5 miliardi di euro che la Grecia deve rimborsare al Fondo Monetario Internazionale e visto che il referendum si terrà domenica prossima è quasi certo che il governo greco non rispetterà la scadenza. Alcuni mesi fa Tsipras aveva annunciato che il governo greco aveva liquidità sufficiente a pagare stipendi e pensioni fino alla fine di giugno. È probabile che in realtà l’autonomia della Grecia sia un po’ più lunga, ma probabilmente non di molto. Inoltre nel timore di un’uscita della Grecia dall’Euro – che sarebbe la conseguenza inevitabile di una fine della liquidità da parte del governo – moltissimi greci stanno ritirando i loro depositi dalle banche. Diversi giornalisti hanno scritto che l’annuncio del referendum ha fatto aumentare ancora di più le code agli sportelli bancomat.

La decisione del referendum – per quanto ampiamente ipotizzata nelle scorse settimane – ha sorpreso i ministri delle Finanze europei che avevano già organizzato una riunione per questo sabato per imporre un ultimo accordo “prendere o lasciare” alla Grecia. I principali partiti di opposizione greci probabilmente voteranno sì all’accordo durante il referendum.