(TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)
  • Sport
  • lunedì 25 Maggio 2015

Lazio-Roma: la guida con le formazioni ufficiali

Alle 18 si gioca la partita decisiva per il preziosissimo secondo posto della Serie A, e che partita

(TIZIANA FABI/AFP/Getty Images)

Lazio e Roma giocheranno stasera alle 18 nel posticipo della 37esima giornata di Serie A, la penultima del campionato. Il derby di Roma è di per sé una delle partite più attese della stagione dai tifosi di entrambe le squadre, ma quest’anno sarà più decisiva del solito: la Roma è seconda in classifica a 67 punti ma a due giornate dalla fine ha un solo punto di vantaggio sulla Lazio, che è la sorpresa del campionato e ha già dimostrato di poter giocare alla pari della Roma (all’andata la partita è finita 2-2 con una bella rimonta della Roma, sotto di due gol alla fine del primo tempo).

Le due squadre, insomma, stasera si giocano il secondo posto in classifica: l’unico oltre al primo posto a qualificare per la fase a gironi della Champions League e di conseguenza ottenere una discreta quantità di soldi dalla UEFA (solamente con la qualificazione si guadagnano circa 8,6 milioni di euro, ma si arriva facilmente a 30 milioni). La squadra terza classificata disputa infatti i playoff di Champions League, con la possibilità di essere eliminata e quindi di disputare l’Europa League, un torneo molto meno redditizio: quest’anno è successo al Napoli, che è stato eliminato ai playoff dall’Athletic Bilbao.

Un pezzo importante della storia intorno alla partita di stasera – e uno dei motivi per cui sarà interessante anche per chi non tifa Roma o Lazio – è raccontato anche dai rispettivi punti di partenza delle due squadre: fino a pochi mesi fa la Roma era considerata una squadra nettamente più forte della Lazio. La Roma ha iniziato la stagione puntando esplicitamente allo Scudetto, e nel mercato estivo aveva cercato di migliorare la propria rosa senza cedere nessuno dei propri migliori giocatori tranne il difensore Mehdi Benatia. All’inizio di questa stagione la Lazio ha invece assunto Stefano Pioli – che non ha mai allenato una “grande” – e ha cambiato mezza squadra dopo due stagioni piuttosto deludenti. Nel corso dell’anno, la Roma ha giocato via via sempre peggio e perso la possibilità di vincere il campionato, mentre la Lazio ha mostrato per lunghi tratti un gioco spettacolare ed efficace: rispetto a settembre i ruoli sembrano essersi invertiti, tanto che l’allenatore della Roma Rudi Garcia nella conferenza stampa prima della partita ha detto sarcasticamente che «la Lazio è favorita, lo dicono tutti: loro giocano il miglior calcio d’Italia, noi siamo più scarsi».

La questione del giorno, letteralmente
Nei giorni precedenti alla partita, inoltre, si è parlato molto di un’altra questione rilevante: il giorno in cui disputare la partita. Originariamente la partita era prevista per domenica 24 maggio alle 15 del pomeriggio (da anni le partite fra Lazio e Roma si giocano al pomeriggio per ragioni di ordine pubblico). A causa della qualificazione della Juventus alla finale di Champions League, poi, la finale di Coppa Italia fra Lazio e Juventus prevista per il 7 giugno era stata anticipata al 20 maggio (la finale di Champions League si gioca il 6 giugno). A quel punto, la Lazio ha chiesto di spostare la partita contro la Roma da domenica 24 maggio a lunedì 25 maggio, per avere un giorno in più di riposo: questo nonostante la Juventus – che però ha già vinto lo Scudetto – abbia giocato già sabato 23 maggio, solamente tre giorni dopo la finale.

Molti tifosi della Roma, in particolare, hanno protestato perché in pratica la Lazio ha chiesto il permesso di spostare la partita a se stessa: il presidente della Lazio Claudio Lotito – oltre ad essere un personaggio piuttosto potente e controverso – è nel comitato di presidenza della FIGC e soprattutto è consigliere federale della Lega Calcio, che decide il giorno in cui si gioca ciascuna delle partita di Serie A.

Come arrivano le due squadre, che partita ci aspettiamo
Le due squadre arrivano in condizioni molto diverse: la Roma ha faticato molto nel girone di ritorno e nonostante nelle ultime settimane abbia mostrato dei generali miglioramenti, nelle ultime cinque partite ha comunque perso sia contro l’Inter sia contro il Milan, che attualmente sono rispettivamente ottava e decima. La Lazio ha perso 2-1 la finale di Coppa Italia ma per un’ora buona della partita ha giocato praticamente alla pari della Juventus: e la settimana scorsa ha vinto una partita importante per 1-0 in casa della Sampdoria, una squadra molto organizzata e piuttosto forte in casa.

Roma
AS Roma v Genoa CFC - Serie A La Roma arriva da una brutta vittoria contro l’Udinese: brutta perché ha rischiato di perdere o pareggiare con una delle squadre meno in forma della Serie A (nel girone di ritorno ha fatto 17 punti, due in più del Parma straultimo in classifica) e perché ha mostrato il solito gioco lento e un po’ confuso. Le cose erano andate meglio appena due settimane fa, quando nel giro di due partite era riuscita a battere Genoa e Sassuolo segnando in tutto cinque gol senza subirne nessuno. In entrambe le partite aveva anche segnato Seydou Doumbia, attaccante ivoriano comprato a gennaio dal CSKA Mosca per circa 14 milioni di euro e sembrato molto poco in forma nelle prime partite con la Roma (a un certo punto fu anche fischiato dai tifosi). L’ingresso fra i titolari di Victor Ibarbo inoltre – un attaccante nel giro della nazionale colombiana che segna molto poco ma dà una grossa mano in difesa – aveva reso la squadra più coperta durante le azioni offensive degli avversari.

La Roma giocherà col consueto 4-3-3 con Francesco Totti, Juan Iturbe e Alessandro Florenzi in attacco e Seydou Keita, Radja Nainggolan e Daniele De Rossi a centrocampo. In difesa Maicon viene da un lungo infortunio e inizierà la partita in panchina. In difesa giocheranno Mapou Yanga-Mbiwa, Josè Holebas, Vasilis Torosidis e Kostas Manolas.

La formazione ufficiale (4-3-3): De Sanctis, Mapou, Holebas, Manolas, Torosidis, Nainggolan, De Rossi, Keita, Florenzi, Iturbe, Totti.

Lazio
FBL-ITA-SERIEA-SAMPDORIA-LAZIOLa Lazio gioca da diversi mesi un calcio bello a vedersi e un po’ spericolato: in molti casi ha giocato partite quasi perfette sia in attacco sia in difesa, in altri ha preso gol tutto sommato evitabili e attaccato in maniera confusa. Di recente ha vinto solamente contro la Sampdoria e il Parma, ha pareggiato contro Atalanta e Chievo e ha perso contro Inter e Juventus (due volte, in campionato e nella finale di Coppa Italia).

Stasera Pioli giocherà con un 4-2-3-1 piuttosto offensivo, per non lasciare fuori nessuno dei quattro giocatori offensivi più in forma di questa stagione: Felipe Anderson, Antonio Candreva, Stefano Mauri e Miroslav Klose. A centrocampo sembra aver recuperato in tempo da un lieve infortunio il centrocampista della nazionale argentina Lucas Biglia, che al contrario dell’anno scorso ha disputato un’ottima stagione. Resterà ancora fuori invece il centravanti serbo Filip Djordjevic, che all’inizio della stagione era partito da titolare è stato messo da parte da un grave infortunio e dalla stagione superiore alle aspettative del leggendario attaccante tedesco Miroslav Klose, che a quasi 37 anni in questa stagione ha già segnato 15 gol.

La formazione ufficiale (4-2-3-1): Marchetti, Basta, De Vrij, Gentiletti, Lulic, Parolo, Biglia, Candreva, Mauri, Felipe Anderson, Klose.

I più in forma
Per la Lazio è sicuramente Antonio Candreva, che anche quest’anno è stato spesso il migliore in campo nella Lazio e che attualmente è forse l’attaccante esterno italiano più forte in circolazione. In Serie A ha già realizzato 12 assist e segnato 9 gol, quattro nelle ultime dieci partite: dribbla molto, tira molto ma è utile anche in difesa quando la palla ce l’hanno gli avversari. Il giocatore più forte della rosa della Lazio, l’attaccante esterno Felipe Anderson, non segna invece da più di un mese nonostante fra gennaio e aprile sia spesso risultato decisivo.

Per la Roma in questo momento sarà difficile lasciare in panchina Alessandro Florenzi, uno dei giocatori più duttili della Serie A e ultimamente parecchio in forma (contro il Genoa ha segnato un gran gol portando palla praticamente dalla propria area, all’ultimo minuto). Nelle ultime partite ha segnato due gol e corso moltissimo, tutto questo dopo aver giocato in 3-4 ruoli diversi nell’arco di tutta la stagione. Non è ancora chiaro, tuttavia, in quale ruolo giocherà.

Come vederla
Lazio-Roma sarà visibile in tv a pagamento sui canali Sky Calcio 1 e Sky Sport 1 (canali 251 e 201) e su Premium Calcio di Mediaset Premium (canale 370 del digitale terrestre). In streaming su computer, tablet e smartphone sarà visibile tramite i servizi di streaming Sky Go e Premium Play.

foto Roma: Paolo Bruno/Getty Images
foto Lazio: MARCO BERTORELLO/AFP/Getty Images