Samantha Cristoforetti, 169 giorni nello Spazio

È diventata l'astronauta italiano dalla più lunga permanenza nello Spazio; la data del suo rientro sulla Terra è stata rinviata dopo l'incidente della Progress

Samantha Cristoforetti è diventata il 9 maggio il primo astronauta italiano ad avere trascorso più giorni consecutivi in orbita nello Spazio: 169 in tutto. La sua data di rientro sulla Terra era stata fissata per il prossimo 14 maggio ma la sua missione è stata prolungata in seguito alla decisione dell’agenzia spaziale russa Roscosmos di effettuare alcune verifiche dopo l’incidente alla capsula di trasporto Progress, andata fuori controllo a fine aprile durante il suo viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale. Attratta dalla gravità terrestre, la capsula lunga 7 metri e pesante 7 tonnellate si è disintegrata al rientro nell’atmosfera l’8 maggio, con alcuni detriti che sono finiti nell’oceano Pacifico. Trasportava cibo, ossigeno, acqua e materiali di altro tipo, ma sulla ISS ci sono scorte a sufficienza per molte settimane.

I tecnici dell’agenzia spaziale russa stanno eseguendo diverse verifiche per capire che cosa è andato storto, e soprattutto per gestire in sicurezza le prossime attività di partenza e arrivo sulla ISS. L’incidente alla Progress porterà al cambiamento del calendario di buona parte dei viaggi e le nuove date dovrebbero essere comunicate questa settimana. Attualmente gli astronauti possono raggiungere l’orbita terrestre utilizzando solamente le Soyuz, le capsule spaziali russe, con viaggi alternati in modo che a bordo restino sempre almeno tre persone.

Gli astronauti trascorrono di solito quasi sei mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale: un periodo volutamente piuttosto lungo perché permette di valutare gli effetti della vita in parziale assenza di gravità sul loro organismo. In un certo senso gli astronauti a bordo sono parte di un grande esperimento, e a loro volta eseguono esperimenti di vario tipo. L’astronauta statunitense Scott Kelly sarà il primo a trascorrere un intero anno sulla ISS. L’obiettivo principale è ricreare le migliori condizioni di vita possibili nello Spazio in vista di viaggi di lunga durata, come quello ipotizzato da molto tempo verso Marte e a cui la NASA lavora da decenni.

In un recente collegamento con la Terra, Samantha Cristoforetti ha detto di “essere felice” di poter allungare di qualche giorno la sua permanenza sulla ISS. Il prolungamento della missione vale anche per i suoi compagni di viaggio Anton Shakplerov e Terry Virts. Cristoforetti è in orbita da 169 giorni ed è la prima astronauta nella storia dell’Italia; è nata a Milano nel 1977 ed è Capitano dell’Aeronautica Italiana. Oltre a eseguire esperimenti e test in orbita, passa parte del suo (poco) tempo libero a scattare spettacolari fotografie della Terra, raccontando le sue giornate in orbita su Twitter. Per la cronaca: la persona che è rimasta più giorni consecutivi nello Spazio è l’astronauta russo Valerij Vladimirovič Poljakov, che restò in orbita per 14 mesi sulla MIR dal 1994 al 1995.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.