• Mondo
  • giovedì 26 marzo 2015

Il video dell’operazione nel Museo del Bardo

L'ha pubblicato il ministero degli Interni tunisino su Facebook, mostra i soccorsi agli ostaggi e i due attentatori uccisi

Il ministero degli Interni della Tunisia ha pubblicato sul suo profilo Facebook un video che mostra l’operazione delle forze speciali tunisine all’interno del Museo del Bardo a Tunisi, durante l’attentato del 18 marzo scorso in cui sono rimaste uccise 23 persone, tra cui i due attentatori. Il video mostra le forze speciali tunisine entrare nel Museo del Bardo e accompagnare fuori dall’edificio diversi ostaggi, tra cui alcune persone ferite. Si sentono anche molti spari: alla fine del video vengono mostrate le immagini dei due attentatori uccisi durante l’assalto e quelle delle forze speciali che festeggiano e si abbracciano per il successo dell’operazione.

Attenzione: il video contiene immagini forti

L’attentato al Museo del Bardo è stato rivendicato da diversi gruppi, tra cui l’ISIS (o Stato Islamico). Non è ancora chiaro se gli attentatori fossero affiliati a qualche organizzazione terroristica internazionale. Il governo tunisino ha confermato nei giorni scorsi che entrambi gli attentatori uccisi – Yassine Abidi e Hatem Jachnaoui – erano “salafiti estremisti” e si erano addestrati in Libia alla fine del dicembre 2014. Alcuni funzionari tunisini hanno detto che 23 persone sono state arrestate con l’accusa di essere coinvolte nell’attentato: la polizia sta cercando ancora due cittadini marocchini e un algerino.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.