• Sport
  • domenica 8 Febbraio 2015

Il discusso tweet del Milan sul fermo-immagine nell’azione del primo gol della Juventus

Il Milan ha accusato la Juventus di avere prodotto un'immagine falsa per nascondere il fuorigioco nell'azione del gol di Tevez: ma sbaglia, per una questione di prospettiva

Questa mattina il Milan ha pubblicato su Twitter un’immagine relativa all’azione del gol dell’1-0 segnato da Carlos Tevez durante Juventus-Milan, anticipo della 23esima giornata di Serie A giocato ieri sera e finito 3-1 per la Juventus. Il Milan si è molto lamentato perché a suo dire il fermo-immagine mostrato in televisione relativo alla posizione di Tevez è sbagliato. L’immagine a cui si riferisce il Milan mostra Tevez in linea con Cristian Zaccardo – l’ultimo difensore del Milan – quindi non in posizione di fuorigioco: nel calcio, per la regola del fuorigioco l’attaccante non può ricevere un passaggio mentre si trova più vicino alla porta rispetto al penultimo difensore avversario.

Su Twitter il Milan ha chiesto ironicamente ai propri follower: «Secondo voi nel fermo immagine tv prodotto dalla Juventus, le due linee sono parallele? Per noi no». La linea che si vede nell’immagine fra Tevez e Zaccardo è stata tracciata probabilmente da Sky.

Come spiegato da molti nelle ultime ore, però, le due linee non sono parallele per una questione di prospettiva: poiché la telecamera è posizionata al centro del campo al di sopra di uno dei due lati lunghi, il lato lungo opposto sembra più corto. Di conseguenza, una linea immaginaria perpendicolare ai due lati lunghi non sarà parallela a quella di centrocampo, che lo spettatore percepisce come “dritta” perché lì è montata la telecamera.

Il Milan e il suo amministratore delegato Adriano Galliani si sono anche lamentati perché a loro dire la Juventus avrebbe impedito che l’azione del gol venisse mostrata in tv. Galliani, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, ha detto che, al contrario delle altre squadre di A, la produzione delle immagini delle gare della Juve è gestita dalla società stessa. Che scientemente non fa rivedere il replay dell’azione del primo gol». Come ha spiegato bene Fabio Caressa su Sky Sport, la Juventus produce effettivamente da sola le immagini i cui diritti vende alle televisioni – al contrario della maggior parte delle altre squadre che si affidano alla controversa società di consulenza Infront Sports – ma il compito di scegliere cosa mandare in onda è dei registi dei canali televisivi, e non delle singole squadre. La stessa Juventus, oggi pomeriggio, ha pubblicato un lungo comunicato in cui fra le altre cose conferma quanto raccontato da Caressa:

Galliani pare ignorare che ogni grafica (linee etc) viene effettuata dai broadcaster in post-produzione e non ha nulla a che vedere con la produzione live delle immagini, che in ogni caso viene gestita operativamente dal regista e dai producer designati dalla Lega, senza intromissioni da parte di altri soggetti.