• Mondo
  • venerdì 26 dicembre 2014

Lo tsunami nell’oceano Indiano, 10 anni fa

Il 26 dicembre del 2004 uno dei terremoti più violenti mai registrati provocò un grande maremoto e la morte di centinaia di migliaia di persone: ancora non sappiamo quante

Il 26 dicembre del 2004, esattamente dieci anni fa, un terremoto di magnitudo 9.3 – uno dei più violenti mai registrati in quasi mezzo secolo – nell’oceano Indiano al largo della costa nord-occidentale dell’Indonesia causò un grande maremoto, con onde alte oltre 14 metri che causarono un’ampia serie di tsunami sulle coste dell’area asiatica, uccidendo almeno 230mila persone. I danni più consistenti furono registrati soprattutto in Indonesia, ma ci furono gravi conseguenze anche nelle aree costiere di Sri Lanka, India, Thailandia, Birmania, Bangladesh e Maldive. Seppure meno intense, alcune ondate arrivarono anche sulle coste della Somalia e del Kenya, a oltre 4.500 chilometri di distanza dal punto in cui si era verificato il terremoto.

La scossa principale avvenne all’1:58 del mattino (ora italiana) del 26 dicembre 2004 e durò circa 8 minuti: i primi tsunami sulle coste arrivarono ad appena 15 minuti dall’evento e proseguirono poi per ore, man mano che il maremoto si propagava. Gli tsunami distrussero interi villaggi lungo le coste, uccidendo decine di migliaia di persone, in molti casi del tutto impreparate e incapaci di comprendere i segnali che indicavano il probabile arrivo di onde anomale. La stima di 230mila morti è conservativa: a oggi non è ancora chiaro quante persone siano effettivamente morte a causa del terremoto, prima, e dello tsunami poi. È probabile che il numero di morti sia molto più alto e che sia intorno ai 300mila.

Attenzione: alcune foto sono forti e impressionanti.

2004_Indonesia_Tsunami_CompleteL’Indonesia fu il paese più interessato dallo tsunami. Le morti confermate a oggi sono quasi 174mila, mentre le stime parlano di quasi 230mila. Nello Sri Lanka morirono almeno 40mila persone, altre 10mila in India e più di 5mila in Thailandia. Dopo il disastro delle prime ore, i governi locali dovettero affrontare una drammatica emergenza umanitaria e dare soccorso a un numero enorme di sfollati: almeno 1,5 milioni in Sri Lanka, più di 100mila in India, quasi 30mila in Thailandia e altre centinaia di migliaia di persone in Indonesia. La comunità internazionale organizzò diverse iniziative di solidarietà e soccorso ma furono necessari giorni prima di riuscire a coordinare un minimo le offerte di aiuto.

Le Nazioni Unite invitarono tutti gli stati membri ad aiutare con mezzi e risorse economiche. Si stima che tra aiuti pubblici e privati furono raccolti circa 1,6 miliardi di euro di aiuti. Furono organizzate anche raccolte fondi, che registrarono in molti paesi una partecipazione con pochi precedenti nella storia delle iniziative benefiche. Lo tsunami ebbe effetti molto gravi sulle economie locali dei villaggi e delle città interessate, mentre ebbe un impatto meno consistente sull’economia complessiva dei paesi interessati.

A distanza di dieci anni, molti dei villaggi interessati dallo tsunami sono riusciti a riprendersi e a tornare alle loro attività, basate per lo più sulla pesca. La consapevolezza che molte persone si sarebbero potute salvare, se solo ci fossero stati sistemi per segnalare per tempo l’emergenza tsunami, portò alla costituzione dell’Indian Ocean Tsunami Warning System, uno strumento prezioso che serve per analizzare le possibili conseguenze dei terremoti e segnalare ai governi dei paesi interessati stime e tempi di arrivo di possibili onde anomale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.