Henri de Toulouse-Lautrec

Henri de Toulouse-Lautrec, Parigi e la Belle Époque nel doodle di Google

Google celebra il famoso pittore e litografo francese in occasione del 150esimo anniversario della sua nascita

Henri de Toulouse-Lautrec

L’artista francese Henri de Toulouse-Lautrec, considerato uno dei più importanti esponenti del post-impressionismo, è il protagonista del doodle di Google: oggi è il centocinquantesimo anniversario della nascita del pittore e litografo di fine Ottocento. Al posto del classico logo, nella pagina principale del motore di ricerca c’è un disegno che ricorda alcuni dei soggetti preferiti da Henri de Toulouse-Lautrec nei suoi dipinti. In particolare, le ballerine di can-can del doodle riprendono una delle sue litografie più celebri, La Troupe de Mademoiselle Eglantine, del 1895.

Henri de Toulouse-Lautrec

Questa stampa fu commissionata a Toulouse-Lautrec dalla ballerina francese Jane Avril per la promozione di uno spettacolo di quadriglia al Palace Theatre di Westminster, a Londra. I nomi delle altre tre ballerine sono riportati in basso: Églantine, Cléopatre e Gazelle. Avril fu una delle ballerine di cabaret francesi più popolari di sempre, oltre che un’amica di Henri de Toulouse-Lautrec.

(L’immagine si ingrandisce con un clic)
Henri de Toulouse-Lautrec

Henri de Toulouse-Lautrec fu uno degli esponenti più importanti e popolari del post-impressionismo: con le sue opere – poster, stampe, litografie e illustrazioni – alla fine dell’Ottocento contribuì in modo rilevante a raccontare gli aspetti della vita parigina nei locali di Montmartre e, in genere, a costruire un’identità iconografica della Belle époque. Un’altra sua nota litografia – di pochi anni precedente rispetto a La Troupe de Mademoiselle Eglantine – era dedicata alla celebre ballerina francese di can-can Louise Weber, nota come “La Goulue”. Si tratta con ogni probabilità di una delle stampe più riprodotte di sempre, tra le opere di Henri de Toulouse-Lautrec.

Henri de Toulouse-Lautrec morì a 37 anni, dopo aver sofferto per gran parte della sua vita di una malattia alle ossa che lo aveva tenuto sotto un’altezza di un metro e 52. La sua morte fu in parte causata dalle conseguenze dell’alcolismo e della sifilide.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.