• Mondo
  • sabato 22 novembre 2014

L’attacco di al-Shabaab nel nord del Kenya

Miliziani del gruppo estremista somalo sono saliti su un autobus diretto a Nairobi e hanno ucciso 28 passeggeri non musulmani

Alcuni militanti del gruppo terrorista somalo al-Shabaab hanno dirottato un autobus nel nord del Kenya e hanno ucciso 28 persone non musulmane che si trovavano a bordo. I miliziani di al Shabaab hanno individuato i passeggeri non musulmani costringendo tutti a recitare dei versi del Corano, hanno raccontato alcuni testimoni: quelli che non ci sono riusciti sono stati uccisi con dei colpi di arma da fuoco alla testa. L’autobus era diretto a Nairobi, la capitale kenyana: aveva a bordo 60 persone ed è stato attaccato a circa 50 chilometri dalla città di Mandera, vicino al confine con la Somalia. Qualche ora dopo al-Shabaab ha rivendicato l’attacco.

Attacco al-Shabaab

Alcune delle persone uccise, scrive Associated Press, erano funzionari pubblici diretti a Nairobi per le vacanze natalizie. L’attacco di oggi in territorio kenyano è l’ultimo di una lunga serie di attentati compiuti dai miliziani di al-Shabaab dall’ottobre del 2011, cioè da quando i soldati del Kenya sono intervenuti in Somalia per fermare l’avanzata di al Shabaab. L’attacco più violento è stato compiuto nel settembre 2013, quando alcuni miliziani del gruppo hanno assaltato il centro commerciale Westgate a Nairobi, uccidendo 67 persone. Negli ultimi mesi al-Shabaab ha invece attaccato diverse zone costiere del Kenya, uccidendo in totale 90 persone.

Il ministro degli Interni del Kenya ha sostenuto su Twitter che durante un’azione di rappresaglia dell’esercito contro al-Shabaab compiuta dall’esercito il campo da cui sono partiti gli attentatori è stato distrutto e diversi miliziani uccisi.

 

Al-Shabaab, che in arabo significa “la gioventù”, è un gruppo formato da estremisti islamici che si è sviluppato dall’Unione delle Corti Islamiche in Somalia, una rete di gruppi islamici che all’inizio del 2006 prese il controllo di Mogadiscio, la capitale somala. Fino a due anni fa al-Shabaab era in controllo di buona parte del territorio somalo e compiva attacchi piuttosto frequenti anche in Kenya: dopo essere stata attaccata dall’esercito somalo e da un contingente di forze regionali – tra cui soldati keniani – i membri di al-Shabaab hanno abbandonato Mogadiscio e diverse altre città del sud del paese, tra cui l’importante porto di Chismaio, e si sono concentrate nelle zone rurali del nord del paese. Nel 2012 l’organizzazione ha annunciato di essersi affiliata con al-Qaida.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.