George Clooney contro il Daily Mail

Per la pubblicazione di una notizia falsa sulla madre della sua fidanzata (e ha poi rifiutato le scuse del tabloid britannico)

Da alcuni giorni va avanti una polemica fra il celebre attore americano George Clooney e il tabloid britannico Daily Mail, che lunedì 7 luglio aveva pubblicato sul proprio sito la notizia che la madre della fidanzata di Clooney – l’avvocato e attivista anglo-libanese Amal Alamuddin – sarebbe contraria al matrimonio della figlia sulla base delle proprie convinzioni religiose. La notizia era apparsa anche sull’edizione cartacea del giornale il giorno successivo. Mercoledì 9, George Clooney aveva pubblicato sul sito di USA Today una lunga smentita, a cui sono seguite le scuse del giornale e la rimozione dell’articolo dal sito (l’articolo originale si può ancora vedere qui). Clooney, in un comunicato diffuso l’11 luglio, ha detto però di non volere accettare le scuse del Daily Mail, che ha definito «un tabloid della peggior specie. Uno che inventa le notizie a danno dei propri lettori».

Dall’inizio
Secondo il pezzo del Daily Mail, Baria Alamuddin, la madre di Amal, si oppone al matrimonio fra Clooney e sua figlia poiché sarebbe di fede drusa, una religione monoteista derivata dall’Islam i cui seguaci vivono prevalentemente in Siria e in Libano. Secondo quanto riportava l’articolo del Daily Mail, Baria Alamuddin ha detto «a metà Beirut» che sua figlia avrebbe dovuto sposare un uomo di fede drusa. Come riporta Slate, nell’articolo era anche contenuto questo paragrafo:

Possono esserci dure punizioni per i drusi che sposano persone che non condividono la loro fede. Diverse donne druse sono state uccise per avere disobbedito a queste regole. Lo scorso anno a un musulmano sunnita fu tagliato il pene dai parenti maschi di una donna che sposandolo aveva disobbedito alla propria famiglia.

L’amico aggiunge: «ci sono state un po’ di battute in famiglia riguardo al fatto se capitasse la stessa cosa a George!»

Su USA Today, Clooney ha risposto dicendo che la storia pubblicata dal Daily Mail è «completamente falsa» e ha aggiunto:

«La madre di Amal non è drusa. Non è stata a Beirut da quando io e Amal ci frequentiamo, e non si oppone in alcun modo al matrimonio. Sono abituato al fatto che il Daily Mail si inventi le notizie – lo fanno più volte a settimana – e non mi interessa. Se scrivessero che Amal è incinta, o che il matrimonio si terrà sul set di Downton Abbey, o che io mi candiderò, o qualsiasi altra delle loro notizie idiote che inventano davanti a un computer, non mi importerebbe. Ma questa bugia tira in ballo cose più grosse. L’irresponsabilità, di questi tempi, di mostrare conflitti religiosi dove non ne esistono è come minimo negligente e più propriamente pericolosa. Noi abbiamo membri di famiglia da ogni parte del mondo, e l’idea che qualcuno possa sobillare una parte del mondo per vendere copie dovrebbe costituire un reato.»

Il Daily Mail – pur rimuovendo l’articolo dal proprio sito e scusandosi con Clooney, Amal Alamuddin e sua madre «per ogni sofferenza causata» – ha spiegato che la notizia «non era inventata, ma fornita in buona fede da una rispettata giornalista freelance, la quale ha basato la sua storia su conversazioni con un solido contatto che ha un forte legame coi membri della comunità libanese nel Regno Unito e di quella drusa in Libano».

Clooney ha nuovamente replicato su USA Today respingendo le scuse e scrivendo – riguardo il comunicato del tabloid – che per quattro volte, nel corso dell’articolo rimosso, veniva spiegato che il giornale aveva parlato con un amico di famiglia. In realtà, il comunicato del tabloid non menziona mai fonti vicine alla famiglia di Alamuddin: quindi, secondo Clooney, «o hanno mentito in origine, o stanno mentendo adesso».

foto: Vittorio Zunino Celotto/Getty Images

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.