• Mondo
  • lunedì 7 luglio 2014

Più di 60 donne rapite da Boko Haram in Nigeria sono scappate

Erano state sequestrate a fine giugno, sono fuggite quando la maggior parte dei militanti era impegnato in un attacco all'esercito

Più di 60 donne tra le 70 rapite dal gruppo islamista Boko Haram in Nigeria a fine giugno dal villaggio di Kummabza, vicino alla città di Damboa nello stato nord orientale di Borno, sono riuscite a scappare. Lo ha riferito l’agenzia di stampa AFP domenica 6 luglio, citando un poliziotto locale: la notizia è stata poi confermata da fonti della sicurezza nigeriana “di alto livello”.

Non si sa molto, per adesso. Secondo quanto riportato dal sito di news nigeriano Premium Times, le donne (in totale 63, anche se il numero non è stato confermato) sarebbero riuscite a fuggire quando i militanti di Boko Haram hanno lasciato il loro nascondiglio per attaccare una base militare nei pressi di Damboa, tra venerdì 4 e sabato 5 luglio. L’esercito nigeriano ha anche detto di aver ucciso più di 50 ribelli nello scontro di quella notte. Sette donne (tra cui due bambine) sono invece ancora con i militanti. Tra quelle che sono riuscite a scappare, alcune sono state in grado di tornare a casa, mentre altre hanno raggiunto i confini tra lo stato di Borno e quello di Adamawa e sono state assistite dalle forze di sicurezza.

nigeria-borno-adamawa

Delle 230 studentesse rapite in aprile da una scuola della città di Chibok non si sa invece ancora nulla. L’episodio, dopo un iniziale disinteresse della stampa internazionale, aveva iniziato ad essere raccontato e seguito, con manifestazioni di protesta per la liberazione delle donne e l’invio di un gruppo di militari e di esperti da parte di Stati Uniti e Regno Unito per assistere la polizia locale nella ricerca (tutto questo, dopo la diffusione della possibile notizia che le ragazze erano state vendute come “spose”). Nel frattempo ci sono stati però altri rapimenti: all’inizio di maggio, altre 8 ragazze tra i 12 e i 15 anni erano state rapite nel nord, in giugno circa 20 donne erano state prelevate da un insediamento nomade nel nord est del paese, vicino alla città di Chibok, e nello stesso periodo, circa 70 donne erano state rapite a Kummabza vicino alla città di Damboa.

Boko Haram – che significa “L’educazione occidentale è proibita” che è stata fondata nel 2002 e ha ucciso almeno 2.300 persone dal 2010 – sta nel frattempo continuando a compiere attentati, rapimenti e omicidi di massa in varie zone del paese, oltre ad avere ormai il controllo effettivo di gran parte del nord-est. Nel nord della Nigeria è tuttora in vigore lo stato di emergenza a causa di una campagna sempre più violenta del gruppo islamista per rovesciare il governo e creare un califfato islamico.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.