• Mondo
  • mercoledì 2 luglio 2014

I nuovi vicepresidenti del Parlamento europeo

Sono stati eletti martedì e sono quattordici: tra loro ci sono anche due italiani, Antonio Tajani e David Sassoli

Martedì 1 luglio si è riunito per la prima volta in seduta plenaria a Strasburgo, in Francia, il nuovo Parlamento europeo, ed è stato eletto il nuovo presidente: è il socialdemocratico tedesco Martin Schulz, che aveva già tenuto la presidenza nella precedente legislatura. Schulz ha poi presieduto la seduta nella quale i deputati hanno eletto i 14 vicepresidenti. Come il presidente, i vice rimangono in carica due anni e mezzo.

La loro elezione avviene attraverso la compilazione di un’unica scheda su cui sono indicati i candidati. Per i primi due scrutini è richiesta la maggioranza assoluta, mentre al terzo i candidati vengono eletti in base al numero di voti che ottengono fino all’esaurimento dei posti disponibili. I vicepresidenti presiedono l’assemblea quando il presidente è assente e fanno parte dell’Ufficio di presidenza del Parlamento. Il presidente può inoltre delegare loro funzioni e compiti particolari.

I vicepresidenti sono stati eletti con un accordo politico tra i principali gruppi: i candidati erano quindici per quattordici posti e non è stato eletto solo il rappresentante del gruppo Europe of freedom and direct democracy (EFDD), Fabio Massimo Castaldo del M5S.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.