Le belle foto della Grande Bellezza

Sono tratte da un ricchissimo libro di foto di set e di scena del film di Paolo Sorrentino

La grande bellezza” il film di Paolo Sorrentino candidato all’Oscar come miglior film straniero, dopo essere stato al centro di attenzioni e dibattiti in Italia per tutto l’anno passato, ha raccolto anche grandi apprezzamenti all’estero e in particolare negli Stati Uniti: il 2 marzo si saprà appunto se avrà vinto il premio Oscar come migliore film straniero. Questo, e la vittoria già ottenuta nella stessa categoria ai premi Golden Globes, ha riportato d’attualità il film, i suoi temi, i suoi personaggi, le sue scene spesso memorabili. Che sono raccolti in un libro pubblicato da Feltrinelli e intitolato “La grande bellezza – Diario del film“, che raccoglie moltissime fotografie di scena e di set del film fatte dal fotografo Gianni Fiorito, che nella sua carriera si è occupato molto di fotogiornalismo (soprattutto nell’area di Napoli) ma ha anche fatto il fotografo di scena di diversi film. La raccolta di foto è preceduta da un’introduzione di Paolo Sorrentino, dedicata a Roma e a un abbozzo di spiegazione di cosa sia, la grande bellezza del titolo.

Ma ho il sospetto costante che tenere viva, a mo’ di chiacchiericcio salottiero, la pars destruens delle cose sia un’attività facilona e redditizia. Si rischia anche di passare per intellettuali inesorabili e spregiudicati. A me questo ruolo non è mai piaciuto. Ho sempre frequentato un piccolo, pudico pensiero: che a vedere il male dovunque si rischia di diventare davvero qualcosa che ha a che fare col male, o quantomeno di diventare, agli occhi di noi stessi, inospitali. Insomma, mi sono accanito giorno e notte a fare film non per puntare facilmente il dito contro ciò che non va, ma l’ho fatto per cercare la bellezza e il sentimento dappertutto. Anche nelle cose che, nell’opinione dominante, non vanno bene.

foto: © Gianni Fiorito

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.