Le foto più belle dei Grammy

Beyoncé sul palco col marito Jay Z, Pink sospesa sul pubblico e i Daft Punk – che hanno sbancato – coi caschi e le statuette

Domenica sera allo Staples Center di Los Angeles si è tenuta la cerimonia di premiazione dei Grammy Awards, i più famosi premi discografici statunitensi, un incrocio tra gli Oscar della musica e una specie di Sanremo americano, fatte-le-dovute-proporzioni. I Daft Punk e Nile Rodgers hanno vinto due dei quattro premi principali: quello per il miglior album con Random Access Memories e quello di “Registrazione dell’anno” (la categoria è “Record of the year”, e vengono premiati anche i produttori e tecnici) per Get Lucky. Royals della neozelandese Lorde ha vinto come Canzone dell’anno mentre Macklemore e Ryan Lewis sono stati scelti come migliori artisti emergenti. Le categorie premiate sono 105, suddivise rispetto a 30 generi musicali (dal pop al gospel, dal metal all’hip hop), secondo la votazione dei membri della Recording Academy, composta da artisti, discografici, musicisti, produttori: qui potete trovare la lista di tutti i candidati e i vincitori.

Oltre alla premiazione la cerimonia ha previsto moltissime esibizioni: tra le più rilevanti, quella di Beyoncé insieme al marito Jay Z in Drunk in Love; quella di Nile Rodgers, Daft Punk, Stevie Wonder e Pharrell Williams che hanno cantato insieme Get Lucky; i Metallica con Lang Lang, Kendrick Lamar con gli Imagine Dragons e poi Lorde, Katy Perry, Robin Thicke con i Chicago e Taylor Swift. Dopo che Macklemore & Ryan Lewis hanno cantato Same Love – che parla dei diritti degli omosessuali – 33 coppie eterosessuali e omosessuali si sono sposate davanti alle telecamere; poco dopo è salita sul palco Madonna che ha cantato Open Your Heart.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.