La Romania che non si vede

Un bellissimo racconto fotografico sui paesaggi rumeni fra tradizione e abbandono

Notes for an Epilogue

Tamas Dezso, Notes for an Epilogue

Il regime di Nicolae Ceausescu dal 1965 al 1989 fu uno dei totalitarismi più repressivi d’Europa. Tra le molte altre cose, per la Romania quello fu un periodo di forte urbanizzazione e industrializzazione in un grosso programma chiamato sistematizzazione. Vennero ampliate diverse città, ne furono costruite di nuove e molte persone che fino ad allora avevano vissuto in campagna furono ricollocate allo scopo di farle lavorare in grosse fabbriche. Il programma, oltre che modificare profondamente la società, ebbe inevitabilmente un grande impatto sul paesaggio: furono costruiti grossi impianti industriali e molti piccoli comuni e fattorie vennero abbandonati.

Tamas Dezso, fotografo ungherese, ha documentato questi cambiamenti fotografando porzioni di terra apparentemente incontaminata e altre distrutte dai numerosi interventi umani, facendo attenzione al rapporto tra uomo e ambiente e a quello tra modernità e tradizione. Il reportage, che Dezso porta avanti da quattro anni, si intitola Notes for an Epilogue ed è stato realizzato in collaborazione con lo scrittore Eszter Szablyar.

Dezso ha 35 anni, è nato a Budapest e ha studiato per diventare ingegnere. Ha lavorato per alcune riviste prima di ricevere incarichi da testate tedesche e statunitensi per seguire storie e vicende che accadevano in Romania. Nel 2008 ha deciso di dedicarsi completamente alla sua ricerca personale.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.