La campagna di UN Women con l’autofill di Google

Usa i dati reali che compaiono sul motore di ricerca, che non sono buoni

UN Women è l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa dei diritti delle donne. Ha da poco pubblicato una campagna che utilizza i risultati reali della funzione autocomplete di Google per mostrare quanto la diseguaglianza tra i sessi sia ancora profondamente diffusa nel mondo. L’autocomplete suggerisce alternative per il completamento delle formule che immettiamo quando cerchiamo qualcosa ed è basato sulla valutazione e la sintesi delle ricerche effettuate più di frequente. La campagna è stata creata dal graphic designer Chris Hunt.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.