• Mondo
  • sabato 17 Agosto 2013

Il traghetto affondato nelle Filippine

Almeno 26 persone sono morte e altre 200 sono disperse, dopo lo scontro con una nave cargo

Venerdì 16 agosto, nelle Filippine, un traghetto è affondato dopo essersi scontrato con una nave cargo. Secondo la guardia costiera filippina, 26 persone sono morte in conseguenza dell’incidente e 215 sono disperse. L’incidente è avvenuto nelle acque vicino all’isola di Cebu, nel sud del paese. Fino a questa mattina 629 persone sono state salvate dalla guardia costiera con l’aiuto di numerose altre imbarcazioni, tra cui il cargo con cui il traghetto si è scontrato.

Si calcola che al momento dell’incidente circa 870 persone fossero a bordo del traghetto MV Thomas Aquinas, una nave di 11 mila tonnellate costruita quarant’anni fa. Non sono ancora chiare le cause dell’incidente, ma la dinamica sembra simile a quella del più grave disastro avvenuto in mare in tempo di pace, quando nel 1987, sempre nelle Filippine, il traghetto Dona Paz si scontrò con una petroliera ed affondò. Il numero totale di morti non è mai stato chiarito e le stime variano tra le 1.700 e le 4.000 persone.