• Sport
  • venerdì 26 luglio 2013

Chi compra l’Inter

A che punto sono le trattative per la cessione della società da Massimo Moratti a Erick Thohir, uno degli uomini più ricchi dell'Indonesia

Nelle ultime settimane si è parlato spesso dell’acquisto della società calcistica dell’Inter da parte di un imprenditore indonesiano, Erick Thohir, che giovedì 25 luglio era a Milano. Si tratterebbe di una novità importante e storica negli assetti societari di una delle squadre di calcio più famose d’Italia e d’Europa, che da quasi vent’anni è di proprietà dell’imprenditore nel settore petrolifero Massimo Moratti.

A che punto sono le trattative
Le trattative sono state più volte annunciate e smentite e si è parlato molto anche dei modi in cui Thohir entrerebbe nella proprietà dell’Inter: in alcuni momenti l’ipotesi più plausibile è sembrata che l’imprenditore entrasse nella proprietà solamente come socio di minoranza, mossa che gli lascerebbe almeno formalmente pochi spazi di decisione nella gestione della società. Negli ultimi giorni si è cominciato a dare per sicuro invece che Thohir acquisterà una quota di maggioranza (si parla del 75 per cento), al costo – hanno scritto la Gazzetta dello Sport e il Sole 24 Ore – di oltre 300 milioni di euro.

Un’altra possibilità è che Moratti e Thohir si accordino per un ingresso graduale dell’indonesiano nella proprietà, con una fase di transizione della durata di alcuni anni.

I conti dell’Inter
Oggi l’Inter è una società per azioni di proprietà per il 95 per cento di Massimo Moratti, attraverso la Internazionale Holding (un altro 4,2 per cento è della Pirelli). Non ha quindi un legame diretto, almeno da punto di vista degli organigrammi societari, con la società petrolifera Saras della famiglia Moratti, che invece è controllata dalla holding Angelo Moratti Spa.

La situazione patrimoniale dell’Inter non è molto buona: al 30 giugno 2012 il rendiconto patrimoniale parlava di debiti totali per 458 milioni di euro e 155 milioni di crediti. Il bilancio per l’anno 2012 aveva un passivo di circa 77 milioni di euro. Non è la prima volta che, negli ultimi anni, si parla di modifiche nella proprietà dell’Inter: il primo agosto 2012 la società annunciò un accordo che avrebbe portato alla vendita del 15 per cento delle azioni al grande complesso industriale cinese – di proprietà statale – China Railway Construction Corporation (CRCC), per 55 milioni di euro. Nell’accordo rientrava anche la costruzione di un nuovo stadio nell’arco di cinque anni, ma successivamente la questione si complicò e non se ne fece più nulla.

Massimo Moratti acquistò l’Inter nel febbraio del 1995 da Ernesto Pellegrini (che era presidente dal 1984), dopo che la proprietà era già stata di suo padre Angelo tra il 1955 e il 1968. Negli anni successivi Massimo Moratti – pur restando sempre proprietario – si è dimesso dalla carica di presidente della società due volte: nel 1999, dopo le critiche per aver preso come allenatore Roy Hodgson, e nel 2004, quando la carica venne assunta da Giacinto Facchetti. Alla morte di Facchetti, nel 2006, Massimo Moratti tornò presidente e lo è rimasto fino ad oggi.

È difficile stimare il valore complessivo di una società calcistica, al di là della situazione dei conti societari, perché rientrano nella valutazione il valore commerciale del “marchio” e di tutta la rosa dei giocatori. Forbes ha messo l’Inter al 14esimo posto in una recente classifica delle squadre di maggior valore commerciale nel mondo, stimandolo in questo caso a circa 401 milioni di dollari (305 milioni di euro).

Chi è Erick Thohir
Erick Thohir ha 43 anni ed è un imprenditore nel settore dei media e dell’intrattenimento. Possiede diversi canali televisivi e stazioni radiofoniche, oltre a giornali, riviste e case editrici, tramite il gruppo da lui fondato nel 1992, MAHAKA Media con sede a Jakarta. Tra le proprietà del gruppo ci sono Harian Republika, un grande quotidiano che si rivolge alla comunità musulmana del paese (oltre l’ottanta per cento dei 240 milioni di abitanti dell’Indonesia, il che ne fa il paese a maggioranza musulmana più popoloso del mondo), Jak TV, una televisione locale della capitale, e la radio Gen FM.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.