• Mondo
  • giovedì 23 maggio 2013

Shinzo Abe cambierà il Giappone?

È un periodo di coraggiosi cambiamenti, e promesse di cambiamenti, ma oggi la Borsa di Tokyo ha chiuso in perdita dopo mesi di crescita rapida e costante

Oggi la Borsa di Tokyo ha chiuso perdendo il 7,32 per cento, cioè moltissimo: il risultato peggiore dal marzo 2011. I motivi principali del crollo sono stati due: alcuni dati che sembrano mostrare un rallentamento dell’economia cinese e le incertezze sui piani della Federal Reserve americana. Ieri, infatti, il presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke, ha detto che se la disoccupazione statunitense mostrerà miglioramenti sensibili, il piano di immissione di liquidità nell’economia che sta portando avanti potrebbe essere ridotto già a partire da giugno.

Oltre a questo, dalla Cina sono arrivati i dati che mostrano un calo della produzione manifatturiera nel corso del mese di maggio, la prima riduzione in sette mesi. La chiusura in pesante perdita di Tokyo si sta ripercuotendo sulle altre maggiori borse del mondo: il FTSE MIB della Borsa di Milano, ad esempio, perdeva questa mattina oltre il 2 per cento. Quanto successo oggi alla Borsa giapponese è interessante anche perché l’economia del paese è da settimane oggetto di molte attenzioni – l’Economist le ha dedicato la sua ultima copertina.

Da circa sei mesi il principale indice della borsa di Tokyo, il Nikkei 225, era in crescita costante e rapidissima, con un aumento complessivo del 70 per cento circa: gli investitori giapponesi aspettavano con entusiasmo l’inizio di un enorme piano della Banca del Giappone per immettere liquidità nell’economia, annunciato il 4 aprile 2013.

Quel giorno il nuovo governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda, scelto dal premier Shinzo Abe, eletto a dicembre 2012, ha presentato un piano che ha l’obiettivo di rilanciare la spesa e la concessione di credito in un’economia che soffre da vent’anni di bassissima crescita, raddoppiando la quantità di moneta in circolazione e ottenendo un’inflazione del 2 per cento nell’arco di circa due anni.

Come sta andando il piano
Il piano di stimolo dell’economia, ribattezzato Abenomics dal nome del primo ministro, ha parecchi rischi, come avevamo spiegato.

Il pericolo principale è, semplicemente, che non funzioni: la banca centrale non può costringere le persone a spendere e investire, e i soldi dello stimolo monetario potrebbero non arrivare mai alla famosa “economia reale”. Le conseguenze sono potenzialmente devastanti: se infatti si raggiungerà l’obbiettivo dell’inflazione, ma allo stesso tempo i salari resteranno gli stessi o continueranno a diminuire, si avrà un rapido impoverimento della popolazione, oltre ad aver messo a rischio i risparmi dei moltissimi pensionati giapponesi nel paese più anziano del mondo.

Nonostante i dubbi e le perplessità di molti economisti, i primi segnali che arrivano dall’economia giapponese sono incoraggianti, come ha raccontato pochi giorni fa il New York Times. Sony, da tempo in difficoltà, è tornata in attivo per il primo anno dopo cinque di perdite grazie al deprezzamento dello yen, una delle conseguenze dell’Abenomics.

La scorsa settimana è arrivata una delle prime conferme che il piano potrebbe funzionare: nel primo trimestre l’economia giapponese – la terza più grande del mondo – ha registrato una crescita annualizzata del 3,5 per cento, una parte importante della quale proviene da un aumento dei consumi delle famiglie.

Il New York Times racconta che la crescita del mercato azionario degli ultimi mesi ha reso evidenti i segni della presenza di giapponesi con la voglia di spendere nelle zone più alla moda di Tokyo. Il problema è ora coinvolgere nella crescita anche chi non ha investito in Borsa, ovvero la gran parte dei risparmiatori giapponesi, notoriamente cautissimi.

Il ritorno di Shinzo Abe
Il cambiamento annunciato dal nuovo primo ministro non riguarda solo la politica monetaria, sostiene l’Economist. La questione del nazionalismo e dell’identità giapponese rischia di tornare presto di attualità, mentre per ora rimane nascosta dietro ai molti progetti di riforme per il rilancio del paese. Abe ha da poco annunciato anche di volere l’adesione del Giappone alla Trans-Pacific Partnership (TPP), un’area di libero scambio la cui istituzione sta venendo incoraggiata e promossa dagli Stati Uniti. Una mossa simile richiederebbe alcuni cambiamenti anche nel monolitico mondo delle grandi imprese giapponesi e in alcuni settori dell’economia in cui il protezionismo è una tradizione intoccabile.

1 2 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.