• Sport
  • giovedì 2 maggio 2013

Sportitalia sta fallendo

La società ha avviato la procedura per il fallimento, i tre canali tv potrebbero essere venduti o scomparire

La società editrice dei canali televisivi di Sportitalia, Maroncelli 9, ha chiesto che venga dichiarato fallimento. Il tribunale di Milano ha già tenuto un’udienza per esaminare l’elenco dei creditori e, se le due società che gestiscono i giornalisti e i dipendenti non troveranno un nuovo investitore, i tre canali di Sportitalia (Sportitalia 1, 2 e 24) potrebbero scomparire dalle frequenze del digitale terrestre, dove attualmente si trovano ai numeri 60, 61 e 62.

Sportitalia è una tv commerciale che trasmette programmi di carattere sportivo. Ha tre canali tematici: Sportitalia 1, 2 e 24. Quest’ultimo, canale all news sportivo disponibile gratuitamente sul digitale terrestre (oltre che su satellite, come gli altri del gruppo), era andato in onda per la prima volta il 10 giugno 2010, meno di tre anni fa. I canali di Sportitalia – che negli anni hanno subito diversi cambiamenti di nome – trasmettevano le partite principali di diversi campionati esteri, tra cui la Ligue 1 francese e la Primera División argentina, ma erano particolarmente conosciuti anche tra i fan del basket perché trasmettevano la Serie A italiana e l’Eurolega. Sportitalia ha dato anche particolare spazio alla Serie B italiana di calcio.

La società Interactive Group, che ha recentemente dichiarato fallimento “passando” la gestione dei 50 dipendenti ad altre due società, Edb Media e Edb Service, era stata lanciata nel 2004 dall’imprenditore franco-tunisino Tarak Ben Ammar, che è consigliere in Mediobanca e in Telecom Italia ed è in buoni rapporti con Silvio Berlusconi. Insieme a lui c’era Bruno Bogarelli, l’attuale direttore di Sportitalia. Bogarelli aveva ottenuto in licenza i canali televisivi dalla società Europa TV di Ben Ammar tra la fine del 2008 e l’inizio del 2009.

Negli scorsi anni le società dietro a Sportitalia avevano attraversato periodi di difficoltà economica, ma ancora nell’estate 2012 Bogarelli si dichiarava ottimista e diceva che nel corso della stagione 2012-2013 si sarebbe tornati a fare utili.

Da diverso tempo si parla di un ingresso di Al Jazeera, il network con sede nel Qatar, tra gli investitori nella società editrice di Sportitalia, che ha anche tre centri a Milano e uno a Roma per la fornitura di servizi alle televisioni. Le voci si sono rafforzate anche in questi giorni, con la notizia del fallimento. Al Jazeera ha una serie di canali sportivi – beIN Sport – che opera in Francia e negli Stati Uniti e circolano da tempo voci su un suo presunto prossimo arrivo in Italia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.